Come investire in borsa partendo da zero

Giorgia Pitti
December 5th, 2022

Chi ha in mente di investire in Borsa partendo da zero, senza esperienza in questo settore, non deve farsi spaventare dal timore di ritrovarsi in un contesto troppo complicato o ostico per i neofiti. Nel corso degli ultimi anni, infatti, si è assistito a una progressiva semplificazione del trading online. Quindi: come iniziare a fare trading da casa?

Il trading richiede studio ma si tratta di un’attività che è alla portata di tutti, a maggior ragione nel caso in cui si faccia riferimento ai broker migliori presenti sul mercato, non solo per la parte operativa ma anche per l’apprendimento teorico, considerati i corsi e i tutorial che vengono messi a disposizione dalle piattaforme. Puoi iniziare guardando questo video:

Se lo desideri puoi seguire i consigli visti nel video, aprendo un conto con Capital.com che ha un deposito minimo di soli 20 euro. Provalo da qui.

Come investire in Borsa?

Capire la Borsa è una fase da cui non si può prescindere per conseguire dei profitti investendo. Ciò vuol dire che è necessario possedere una lunga teoria di conoscenze e di competenze senza le quali non si può sperare di avere successo, soprattutto sul lungo termine.

Cogliere i segreti della Borsa non è un esercizio impossibile, se si ha voglia di studiare e di informarsi. A questo proposito è importante essere sempre aggiornati sulle news macroeconomiche, utili per essere consapevoli di tutte le notizie più recenti del calendario economico. Esse, inoltre, permettono di godere di una visione complessiva delle correlazioni tra i vari mercati finanziari.

Le componenti finanziarie ed economiche condizionano i mercati: questo spiega il motivo per il quale è possibile riuscire a prevedere le movimentazioni di prezzo solo essendo consci delle basi della finanza.

Come iniziare a investire in borsa con pochi rischi?

Chi si domanda come investire in Borsa ha paura che un’attività di questo tipo sia rischiosa. La realtà dei fatti, però, è ben diversa: non è così complicato imparare e capire in che modo operano i mercati finanziari. Chiunque ha la possibilità di apprendere i segreti del trading pur partendo da zero, sempre che si sia disponibili a impegnarsi e che si segua con costanza un corso adeguato, fondamentale per poter contare su delle basi teoriche il più possibile solide.

La Borsa non è altro che l’insieme di tutti gli asset, cioè i beni, che possono essere negoziati: è qui che vengono quotate le valute estere, le azioni e tutti gli altri valori mobiliari. La Borsa può essere un luogo virtuale o fisico e accoglie un numero molto elevato di titoli azionari: tra cui le principali azioni americane e di aziende di grandi dimensioni, ma anche delle start-up.

Queste sono imprese nate da poco che scelgono di quotarsi allo scopo di raccogliere tra gli investitori soldi che serviranno per crescere. la cosiddetta IPO – acronimo di Initial Public Offering, offerta pubblica iniziale – svolge un ruolo di primo piano ai fini del successo di un’azienda.

Investire in borsa con il copy trading

Una delle soluzioni che possono essere adottate per investire in Borsa partendo da zero ha a che fare con il copy trading. Si tratta di un sistema brevettato che garantisce la possibilità di investire in automatico: in pratica si individuano gli investitori che hanno guadagnato di più in passato e se ne replicano le operazioni in modo del tutto automatico.

etoro copy tradingGrazie a questa opportunità, non solo si investe come un professionista del settore, ma si ha anche l’occasione di imparare e prendere spunto dai più bravi. Ovviamente è bene tener presente che, investendo come i trader più ricchi, si deve essere disposti a rischiare molto: tre quarti degli investitori finiscono per perdere soldi a causa della negoziazione di CFD. Insomma, il successo non è mai assicurato però puoi fare pratica con il copy trading di eToro aprendo un conto demo gratuito (clicca qui).

Investire in Borsa da casa: lavoro o hobby?

Se per tante persone investire in Borsa è un vero e proprio lavoro, per altre è un passatempo a cui dedicarsi nel tempo libero. Anche nel caso in cui ci si dedichi alla Borsa come hobby, comunque, si ha la possibilità di ottenere guadagni molto elevati: uno degli esempi più noti da questo punto di vista è quello che proviene da Warren Buffet, non a caso uno tra gli uomini più ricchi del pianeta.

Il primo step da affrontare per iniziare a investire in Borsa online prevede di individuare una piattaforma di trading adeguata, cioè in linea con le proprie aspettative e con i propri bisogni. Non bisogna sottovalutare questa scelta, in quanto il broker giusto può essere una risorsa preziosa per chi desidera operare sui mercati in modo sicuro e professionale. Trovare la piattaforma migliore permette di usufruire di corsi gratuiti grazie a cui è possibile entrare in contatto con tutti gli insegnamenti teorici di cui si può aver bisogno; inoltre consente di utilizzare un conto demo, grazie a cui è possibile allenarsi e fare pratica senza correre il rischio di perdere soldi veri.

Riconoscere una piattaforma di qualità

Ma quali sono gli aspetti che devono essere presi in considerazione se si è interessati a capire se una piattaforma è affidabile o meno? Un parametro utile è la disponibilità di corsi e materiale didattico grazie a cui si può capire in che modo funziona la Borsa: ovviamente il tutto deve essere fornito gratuitamente. I broker più noti forniscono addirittura webinar o offrono l’opportunità di frequentare corsi one-to-one allo scopo di formare i trader alle prime armi nel migliore dei modi.

È bene sapere quali sono i broker regolamentati (cioè che si sono adeguate alle normative europee o di altri paesi) per evitare di essere truffati, cioè depositare il proprio capitale e poi scoprire di aver ‘perso’ ogni cosa non tanto per avere fatto delle operazioni non ottimali, ma semplicemente perchè la piattaforma altro non era che un hacker che, invece di farvi diventare milionario, con pochi click vi ha derubato di tutto il vostro denaro. Purtroppo su internet queste truffe abbondano, quindi la prima regola per poter sopravvivere e non perdere i propri capitali è quella di cercare ed operare solo su piattaforme regolamentate. Sappiate che non esiste il divenire milionari in poco tempo e senza nessuna conoscenza affidandosi a potenti algoritmi che faranno il lavoro al posto vostro. 

Piacerebbe a tutti ma non è una realtà.

D’altra parte, e questo è il nostro secondo consiglio, è assolutamente vero che la maggioranza di utenti che tradano, perdono anche consistenti cifre: è quindi fatto d’obbligo il conoscere gli strumenti per la corretta analisi di mercato che consente di fare operazioni quanto più vincenti. Nello specifico stiamo parlando di analisi tecnica e fondamentale. Quindi prima di iniziare a mettere in essere le vostre transazioni, dovrete conoscere gli asset su cui desiderate operare, andamento e quando entrare e uscire da un mercato.

Ultimo consiglio che ci sentiamo di darvi è quello di decidere in anticipo quanto siete disposti a perdere e attenervi alle vostre decisioni. Nel trading online, ve ne renderete conto, sono implicati aspetti psicologici ed emotivi rilevanti che potrebbero portarvi a prendere decisioni irrazionali e controproducenti. 

Quindi, riassumendo, i consigli principali che desideriamo darvi sono sostanzialmente due:

  • operare solo con broker che mostrino licenze valide in Europa e che abbiano conseguito l’autorizzazione Consob per evitare truffe.

  • Conoscere il mondo del trading (argomento complesso e diversificato) per poter far fruttare il proprio capitale.

  • Decidere in anticipo quanto siete disposti a perdere e mettete in atto delle strategie che vi permettano di salvaguardare quanto più possibile il vostro capitale. 

Analizziamo ora come possiamo investire in Borsa attraverso i broker regolamentati ed avere successo.

Usare un conto demo

Come si è detto, una buona piattaforma consente di utilizzare un conto demo: si tratta di un account di prova che permette di investire in Borsa con del denaro virtuale, e quindi senza pericolo. Lo scopo è quello di prendere dimestichezza con le varie dinamiche del mercato, ma anche studiare le strategie che poi si potranno utilizzare quando si investirà sul serio. In sintesi, tramite un conto demo si possono affinare le tecniche operative su cui ci si baserà in seguito per seguire l'andamento delle borse mondiali.

In cosa consiste il conto Demo?

Si ha a che fare, in questo modo, con una vera e propria simulazione di Borsa, che consente di comprendere tutti i meccanismi delle piattaforme di trading. In sintesi, una volta appresa la teoria ci si può mettere in gioco, ma senza correre il pericolo di perdere i propri soldi nel caso in cui le decisioni prese fossero sbagliate. Il denaro che viene investito attraverso un account demo è virtuale, il che vuol dire che anche sbagliando non si perde nulla; e, ovviamente, non si guadagna niente se si indovinano gli investimenti giusti.

Certo è che la simulazione ha un difetto che non può essere sottovalutato: la consapevolezza di non rischiare nulla, infatti, fa venire meno la componente psicologica che si innesca quando si fa trading sul serio. Ecco perché sarebbe opportuno provare a pensare che il conto demo non si basa su denaro virtuale ma su soldi veri; altrimenti, non si può capire in quali condizioni ci si ritrova a investire nella Borsa vera, dove si passa da stati di euforia a situazioni di panico, da momenti di avidità ad attimi di terrore. In ogni caso, le piattaforme migliori mettono a disposizione la possibilità di usare il conto demo senza vincoli e senza limiti.

La piattaforma per investire in Borsa da zero

Prima di capire come investire in Borsa, dunque, è necessario scoprire con cosa investire in Borsa, e cioè trovare una piattaforma di trading di cui ci si possa fidare. Ad esempio si possono valutare i broker presenti nella tabella qui sotto:

  • Deposito Min: 1

    Licenza: 275/15

    Compra azioni al prezzo IPO

    Conto di riusparmio al 3%

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 204/13

    Copia i Migliori Trader

    1000 asset negoziabili

    I derivati sono strumenti complessi e implicano un alto livello di rischio

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Spread Stretti

    Formazione Gratuita

    Il 87.41% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

I broker migliori garantiscono un’interfaccia intuitiva e alti standard di affidabilità: si basano su piattaforme facili da utilizzare e, ovviamente, fanno della sicurezza e dell’onestà i propri tratti distintivi. Inoltre mettono a disposizione strumenti operativi utili anche per i principianti, così come corsi gratuiti per tutti. Per usufruire dei servizi di un broker non si spende nulla, in quanto non ci sono commissioni fisse.

Capital.com

Capital.com è diventato un broker molto apprezzato per l’opportunità di aprire un conto anche solo con 20 euro di deposito. Davvero una cifra irrisoria per iniziare a fare trading. Anche questo broker dà l’opportunità di aprire un conto demo che permette di fare operazioni di trading senza affrontare rischi.

eToro

Una delle piattaforme migliori a cui ci si può affidare se si ha in mente di investire in Borsa è eToro. Si tratta di una piattaforma professionale ed estremamente intuitiva, ma soprattutto semplice da utilizzare. In più, fornisce il sistema del copy trading e funge anche da social network, visto che permette ai vari investitori di entrare in contatto gli uni con gli altri. Il copy trading, come si è già accennato, è davvero prezioso per i principianti, che hanno l’opportunità di cominciare a investire senza essere costretti a intervenire in maniera diretta. In tutto il mondo, sono più di 5 milioni gli utenti del copy trading, persone che hanno capito come investire in Borsa ottenendo profitti grazie alle operazioni copiate da altri. Anche per questo eToro afferma di essere il miglior sito di trading.

Investire in crypto partendo da zero

Quando si tratta di investire in criptovalute, ci sono molte informazioni in giro che possono essere confuse. Ecco perché vogliamo assicurarci che abbiate tutto ciò che vi serve per iniziare a investire da zero. Innanzitutto, è importante capire che le criptovalute sono un investimento altamente volatile, il che significa che il valore del vostro investimento potrebbe salire o scendere drasticamente. Detto questo, ci sono alcune cose che si possono fare per minimizzare questo rischio. Una strategia consiste nell'investire in monete o token che hanno una comprovata esperienza nel sopravvivere a periodi difficili: questo ridurrà al minimo la possibilità che il vostro investimento perda valore. Un'altra strategia consiste nell'investire in monete o token che hanno solidi fondamentali: ciò significa che l'azienda che sta dietro la moneta o il token sta facendo qualcosa di valido e c'è una buona probabilità che continui a farlo.

Investire in azioni partendo da zero

Se state pensando di investire in azioni partendo da zero, ci sono alcune cose che dovete sapere. Innanzitutto, è necessario avere una conoscenza di base di concetti finanziari come i dividendi, gli utili e i prezzi delle azioni. Poi, dovrete capire il mercato azionario: cos'è, come funziona e quali fattori ne influenzano la performance. Infine, dovrete conoscere i diversi tipi di azioni: azioni quotate in borsa, azioni di società private e fondi di investimento. Una volta acquisite tutte queste informazioni, è il momento di iniziare a investire.

Uno dei modi migliori per conoscere il mercato azionario è quello di investire personalmente in azioni. Questo è un ottimo modo per iniziare a investire e per conoscere meglio il funzionamento del mercato azionario. Inoltre, è un ottimo modo per guadagnare un po' di soldi in più: investendo in azioni, si può potenzialmente guadagnare sul proprio investimento. Tuttavia, ci sono alcune cose da tenere a mente quando si investe in azioni, ovvero bisogna essere pronti a perdere del denaro. In secondo luogo, assicuratevi di investire solo in azioni che conoscete. Se non capite il titolo, non investite in esso. Potete provare anche il nostro Corso su come investire in azioni americane.

Su quali azioni investire

Alcune simulazioni di investimento possono essere utili per capire quanto si potrebbe guadagnare. Per esempio, dal 2015 a oggi il valore di Amazon è aumentato di quasi 5 volte, e ancora adesso prosegue nella propria crescita, mentre i suoi servizi diventano sempre più innovativi.

Se nel 2015, quando la quotazione di Amazon era di 400 dollari, fosse stata presa la decisione di investire sul marchio mille dollari, oggi ci si ritroverebbe con quasi 5mila dollari. Lo stesso discorso vale per la azioni di Netflix: investendo mille dollari nel 2008, adesso si avrebbe un capitale di quasi 88mila dollari: si è passati, infatti, da una quotazione di 4 dollari a una di 350 dollari per azione. E che dire delle monete virtuali? Le piattaforme per CFD, infatti, permettono di investire in Borsa anche sul bitcoin e sulle altre criptovalute. Tra le molteplici possibilità troviamo anche le azioni di diversi settori in crescita che potrebbero annoverarsi tra i migliori investimenti nel 2023, eccone alcune:

Investire in Borsa su Amazon

Se si è interessati a capire come investire in Borsa da neofiti si potrebbe essere interessati a conoscere più da vicino le azioni di Amazon, che sono di certo molto apprezzate tra gli investitori, complice l’esponenziale aumento del loro valore.

Tuttavia quando ci si approccia alla Borsa è un atteggiamento sbagliato quello di chi si innamora a priori di un titolo, perché è solo con la diversificazione che si ha la possibilità di raggiungere il profitto più elevato riducendo il rischio. Un principiante potrebbe avere la convinzione che acquistare le azioni di Amazon sia intelligente visto che il loro valore è destinato a crescere.

A ben vedere, però, non esistono titoli finanziari che possano salire in eterno, anche se si riferiscono a multinazionali come Amazon. Nel momento in cui il titolo di Amazon dovesse iniziare a scendere, sarebbe auspicabile ricorrere alle vendite allo scoperto, e quindi puntare sulla speculazione al ribasso, per continuare a guadagnare. La soluzione più efficace in tal senso è rappresentata dai CFD, che fanno della flessibilità e della convenienza i propri tratti distintivi.

Investire in materie prime partendo da zero

Le materie prime possono essere un ottimo modo per fare soldi, soprattutto se siete alle prime armi con gli investimenti. Quando si investe in materie prime da zero, si acquistano materie prime o prodotti che verranno poi utilizzati per produrre altri beni o servizi. Si tratta di un investimento ad alto rischio e ad alto rendimento e può essere difficile capire in quali materie prime investire. Ma se si ha la pazienza e la determinazione di investire in materie prime da zero, si possono fare molti soldi. La chiave è fare ricerche e rimanere investiti, perché i potenziali guadagni sono enormi. Ad esempio, l'oro è un bene popolare su cui investire da zero perché è spesso considerato un investimento sicuro. In effetti, nel lungo periodo, l'oro ha avuto un rendimento medio di circa l'8%. Quindi, se siete disposti a impegnarvi, investire in materie prime da zero può essere un'esperienza gratificante.

Investire in ETF partendo da zero

Gli ETF sono un ottimo modo per investire in una varietà di azioni e titoli diversi. Gli ETF sono fondi indicizzati, il che significa che le partecipazioni del fondo vengono continuamente modificate per riflettere la performance di un particolare indice. Ciò rende gli ETF un modo relativamente economico per investire in una varietà di azioni e titoli diversi. Inoltre, poiché gli ETF sono negoziati in borsa come il mercato azionario, è possibile venderli facilmente se si decide che le azioni o i titoli in essi contenuti non sono adatti alle proprie esigenze. Esistono diversi tipi di ETF, tra cui gli ETF azionari, gli ETF obbligazionari e gli ETF sulle materie prime. Gli ETF azionari sono progettati per seguire la performance di una specifica azione o gruppo di azioni. Gli ETF obbligazionari sono progettati per monitorare la performance di un tipo specifico di obbligazioni, come quelle governative o societarie. Gli ETF su materie prime seguono la performance di un tipo specifico di merce, come l'oro, il petrolio o il rame.

Se siete interessati a investire in ETF partendo da zero, ci sono diverse risorse disponibili online. Potete cercare online delle guide di facile consultazione che vi insegneranno i diversi tipi di ETF e come investire in essi. Ad esempio potete vedere il nostro Corso su come investire in ETF.

Su quali ETF investire

Tra le varie opzioni interessanti per chi parte da zero ci sono anche i fondi che racchiudono diverse società o anche materie prime o altre e che rappresentano una buona soluzione per diversificare il proprio portafoglio e ridurre il rischio. Di seguito presentiamo un elenco di alcuni ETF nei settori che potrebbero crescere nel prossimo futuro:

Conviene investire in Borsa?

Non si può affermare in modo assoluto che investire in Borsa faccia guadagnare, perché tutto dipende da come si opera. Certo è che la Borsa non consente di far soldi senza difficoltà, ma richiede attenzione, impegno e preparazione. La prima condizione da rispettare per aumentare le probabilità di conseguire risultati soddisfacenti dal punto di vista economico consiste nello scegliere broker che siano sicuri e seri, e cioè che siano regolamentati e autorizzati a operare, non prevedendo il pagamento di alcuna commissione.

Nel caso in cui ci si affidi a un broker autorizzato, invece, il rischio di essere truffati è molto elevato. D’altro canto esistono anche i broker regolamentati che prevedono delle commissioni: in questo caso sarà difficile riuscire a guadagnare qualcosa, a maggior ragione nel caso in cui si faccia trading online con importi ridotti.

I consigli per cominciare

Se ci si sta domandando come investire in Borsa in maniera sicura, però, non è sufficiente optare per una piattaforma che non preveda costi fissi. È necessario anche studiare e analizzare i mercati con la massima attenzione e decidere di operare con i contratti CFD. Inoltre, è auspicabile allenarsi ed esercitarsi con un conto demo, ricordando di adottare un approccio professionale per tutti gli investimenti.

Perché è meglio evitare le commissioni fisse

Per capire quali sono gli svantaggi di scegliere una piattaforma che prevede delle commissioni fisse, può essere utile pensare a un esempio concreto. Si immagini di investire in Borsa partendo da un deposito di 250 euro con una piattaforma che, per ciascuna operazione che viene effettuata, applica una commissione di 7 euro. Ebbene, anche ipotizzando di riuscire a chiudere in attivo tutte le operazioni – il che è molto improbabile – si brucerebbe tutto il capitale in nemmeno 40 operazioni solo a causa delle commissioni.

Ecco perché vale la pena di trovare un broker senza commissione, sempre ammesso di riuscire a conoscere i migliori sistemi per investire. Insomma, è vietato pensare che investire in Borsa voglia dire solo acquistare azioni a basso prezzo e rivenderle nel momento in cui le quotazioni aumentano. Molto più vantaggiosa è la vendita delle azioni allo scoperto, che prevede di operare con i contratti CFD.

Operare con i CFD

Non sono molti i neofiti consapevoli di questa opportunità, che tuttavia merita di essere conosciuta per le notevoli potenzialità che la caratterizzano. Quindi, cosa sono e come funzionano i CFD? In pratica, la vendita allo scoperto consiste in un’operazione di carattere speculativo grazie a cui si può ricavare un profitto nel momento in cui il valore di un’azione si riduce. Si dice che si vende allo scoperto perché, in sostanza, si vende una cosa di cui non si è in possesso.

Il vantaggio è che, se si investe nella maniera giusta, si consegue un profitto sia che il mercato scenda sia che il mercato salga, dal momento che il trader ha l’opportunità di scegliere se comprare o vendere azioni, o altro, allo scoperto.

Se si ritiene di poter guadagnare dal ribasso delle azioni di una certa compagnia, è sufficiente shortare, cioè vendere allo scoperto; se invece si è convinti che quelle azioni andranno in rialzo, basta comprare in modo da attivare un CFD di acquisto. È utile sapere, comunque, che la vendita allo scoperto non è disponibile con tutte le piattaforme che consentono di giocare in Borsa. Per prepararsi agli investimenti in Borsa in maniera adeguata si può contare su un vasto assortimento di libri che si occupano di trading online, inclusi gli ebook. Passando dalla teoria alla pratica, poi, ci si può servire di un conto demo eToro per capire come muovere i primi passi nel settore del trading.

Investire in borsa come i trader professionisti

Operare con la massima professionalità è un imperativo da cui non si può prescindere se si intende imparare come investire in Borsa. Se si decide di fare trading da casa, per esempio, è auspicabile creare un contesto di lavoro che sia separato rispetto al resto della casa, così da non correre il pericolo di venire disturbati quando si ha bisogno di concentrarsi se si vive insieme ad altre persone.

Investire sui mercati non solo è un’attività seria, ma può incidere in misura significativa sul patrimonio di una persona: ecco perché si deve fare trading in un ambiente pacifico e tranquillo, senza essere costretti a spostarsi in una trading room.

Dopo aver fatto pratica ed essersi allenati con un conto demo, si può iniziare a investire con i contratti CFD, cercando di dedicare alle attività di investimento una quantità di tempo appropriata. Inoltre, non va scordato che è possibile ottimizzare i propri profitti grazie a metodi di investimento automatico. Ognuno deve valutare quanto tempo riservare al trading in base alle proprie necessità e alle proprie aspettative.

Quanto investire

Partendo dal presupposto che per cominciare a investire in Borsa occorre trovare del materiale didattico adeguato su cui studiare, è molto importante trovare un broker certificato, da uno o più enti europei: così si può essere certi di investire in modo sicuro.

Viene spontaneo domandarsi, a questo punto, quale sia la cifra ideale da investire in partenza. Ovviamente tutto dipende dal capitale che si ha a disposizione e che, in un certo senso, ci si può permettere di perdere: in linea di massima si può stare tra i 100 e i 200 euro, anche se esistono piattaforme che consentono di investire appena con 20 euro come per esempio Capital.com (Provala qui).

Come usare i forum

Tanti tra gli aspiranti investitori sono convinti che i forum rappresentino una preziosa fonte di informazioni, e se ne servono per cercare non solo notizie, ma anche tecniche e strategie da adottare per i propri investimenti. Tuttavia non sempre tali forum costituiscono il punto di riferimento ideale per chi è in cerca di fonti informative affidabili.

Gli investitori professionisti, d’altro canto, non perdono tempo a discutere e a dibattere sui forum: qui, dunque, si trovano soprattutto principianti che hanno bisogno di consigli, trader falliti che cercano consolazione o un modo per sfogarsi e, soprattutto, truffatori pronti a lanciare le proprie esche.

Tanti trader falliti nascondono i propri errori e anzi si spacciano come esperti del settore. Il problema è che registrarsi sui forum è molto facile, e non è possibile eseguire delle verifiche su ciò che viene affermato dai vari utenti. Insomma, per un principiante ha poco senso investire in Borsa seguendo i suggerimenti di uno sconosciuto che si nasconde dietro un nickname e che non ha nessun vantaggio nel fornire consigli ad altre persone.

Attenzione alle truffe

Sui forum, purtroppo, si può incappare anche in molti truffatori, i quali hanno campo libero in contesti di questo tipo in cui non vengono effettuati controlli sulle identità. Non vanno sottovalutate, ancora, le campagne di marketing scorrette, attraverso le quali si punta a mettere in cattiva luce le migliori piattaforme di investimento. Tali strategie si basano anche sulla pubblicazione di recensioni positive, ovviamente false, che riguardano broker che prevedono commissioni di trading o che non sono autorizzate.

Investimenti in Borsa per chi parte da 0

Per essere certi di adottare il giusto approccio nei confronti degli investimenti in Borsa è bene evitare di pensare che un’attività di questo tipo sia un gioco. Al contrario, quelli relativi alla Borsa sono investimenti di alto livello, che proprio per questo motivo vanno affrontati con strumenti adeguati e nel modo più serio possibile.

Se si decide di investire con un broker affidabile e autorizzato, a ogni modo, si ha la certezza di investire in Borsa in sicurezza. Non si può diventare ricchi dall’oggi al domani, ma c’è bisogno di studio e tempo: quel che serve per prepararsi. Invece tanti neofiti cominciano a investire quasi per scommessa, ma non avendo idea di quello che li aspetta.

Le aziende e i nuovi asset

Nel caso in cui si opti per gli investimenti azionari, è di fondamentale importanza capire il business in cui sono attive le aziende a cui ci si sta interessando. Così, si ha a che fare con una panoramica completa dei dati finanziari, dei concorrenti e di tutti i fattori grazie a cui si può intuire la qualità di un investimento. Lo studio e l’analisi dei dati sensibili delle aziende permettono, tra l’altro, di scoprire in anticipo le azioni che avranno successo in futuro. Oltre che sulle nuove azioni, poi, è importante concentrarsi anche sui nuovi asset, tra i quali un ruolo di primo piano spetta alle valute digitali. Basti pensare che questo mercato fino a pochi anni fa era pressoché sconosciuto al grande pubblico, mentre oggi sono in molti ad aver realizzato guadagni interessanti.

Il bitcoin ha conosciuto un rally rialzista che mai si era visto in precedenza sui mercati. Se nel 2015 il suo valore era di 300 dollari, alla fine del 2017 era arrivato a 20mila dollari. In termini più semplici, con un investimento di partenza di mille dollari il guadagno sarebbe stato di quasi 670mila dollari. Investire in bitcoin è, ancora adesso, una delle opportunità da cogliere se si ha in mente di investire in Borsa.

Tassazione sui proventi e deducibilità delle perdite

Come qualunque attività lavorativa, anche l’attività su queste piattaforme online va dichiarata al fisco. Le plusvalenze sono le tassate e le minusvalenze sono deducibili. Vediamo nello specifico. 

L’argomento è complesso e la tassazione dipende su cosa abbiamo investito (per le azioni la tassazione si calcola per un 26% mentre su titoli di Stato la tassazione è appena del 12,5%) e occorre distinguere tra redditi di capitali (dividendi) e redditi diversi (plusvalenze e minusvalenze).

Comunque, cercando di semplificare, possiamo dire che l’aliquota di tassazione sui proventi maturati nell’anno precedente è del 26%. Dovremo dichiararli attraverso la compilazione del modello Unico

Esistono inoltre due regimi fiscali:

  • Il sostitutivo. Si applica quando è il broker che ha l’obbligo di pagare all’erario la tassa al netto del suo compenso. In questo caso l’investitore non deve fare nulla, in quanto è il broker ad avere l’onere di versare la tassazione all’Agenzia delle Entrate

  • Dichiarativo. L’obbligo risiede sull’investitore che, in sede di compilazione dei redditi dovrà inserire anche le plusvalenze o minusvalenze realizzate. Il riquadro dove far rientrare tali redditi RT, nella sezione II-B al rigo RT41 se l’intermediario finanziario è italiano. Se è estero e la plusvalenza è maggiore di 10.000 euro allora il quadro sarà RW.Per quanto riguarda le perdite o minusvalenze, esse dovranno essere inserite al rigo RT45 e il contribuente potrà dedurle per un 62.5% del totale. Sarà possibile effettuare il pagamento di tali imposte attraverso il modulo F24 in una delle due date possibili: 30 giugno o il 16 luglio. Nel caso in cui faremo il nostro pagamento il 16 luglio si avrà una maggiorazione di imposta dello 0,40%

    Definito questo aspetto fiscale, vediamo adesso più nel dettaglio il funzionamento di alcuni dei migliori broker che potrete trovare su internet. 

FAQ

Come iniziare ad investire in borsa partendo da zero?

Il miglior modo è scegliendo una piattaforma di trading regolamentata ed aprendo un conto demo gratuito per far pratica. Prova la demo di eToro (clicca qui).

È facile investire in borsa con il trading online?

È relativamente facile iniziare in quanto basta una connessione internet ed un broker che fornisce accesso ai mercati. È però indispensabile dedicare tempo per studiare ed apprendere come operare riducendo i rischi.

Come investire in Borsa privatamente?

Per investire in Borsa privatamente, la prima cosa da scegliere è un broker che sia regolamentato, farsi una formazione per conoscere gli strumenti finanziari e le strategie di Money Management.

Quali Broker sono i migliori?

Quelli che non applicano alte commissioni e anche gli spread sono bassi. Un buon Broker è sicuramente eToro

Quali tasse occorre pagare sulle plusvalenze ottenute dall'attività di investimento in Borsa?

La tassazione abbiamo visto che si attesta a un 26% dei profitti realizzati nell'anno precedente. Alcuni broker si offrono come sostituti d'imposta.

Giorgia Pitti

Analista

Si occupa di Fintech e della finanza alternativa creando testi volti ad aiutare il piccolo medio investitore a muoversi sui mercati. Per quanto riguarda le cripto più famose, le altcoin e gli exchange ha provato diverse piattaforme e wallet, fornendo recensioni obiettive.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro