Cosa sono i CFD e come funzionano?

Paolo Corvetto
December 1st, 2022

Questa guida spiega in dettaglio cosa sono i CFD e come funzionano e perchè vengono considerati tra i migliori investimenti attuali. Parleremo anche dei migliori broker per scambiare CFD e delle relative piattaforme di trading. Vediamo subito il significato e cosa rappresenta questo acronimo. Cosa sono quindi i CFD? L'abbreviazione CFD significa Contract For Difference, in inglese; in italiano Contratti per Differenza. La maggior parte dei trader individuali usano i CFD per fare trading online sui mercati finanziari in quanto questi offrono numerosi vantaggi. Potete vedere come iniziare a fare trading online con questo particolare strumento finanziario anche in questo video:

Le piattaforme viste in questo video sono quella di:

* permette con soli 20 euro di deposito minimo di provare Metatrader o Tradingview.

Cosa sono e come funzionano i CFD

I CFD sono un tipo di contratto derivato ed il suo funzionamento è molto semplice: il prezzo del CFD copia esattamente il prezzo dell'attività sottostante. Qual è il vantaggio di utilizzare i CFD per fare trading rispetto all'acquisto diretto di un determinato strumento finanziario?

Ad essere onesti, all'inizio il vantaggio erano solo le tasse. In effetti, negli anni '90, alcuni trader specializzati alla Borsa di Londra hanno inventato i CFD in modo da non dover pagare le commissioni addebitate in borsa. Ad oggi i CFD sono disponibili senza pagare alcuna commissione in alcune delle migliori piattaforme. Un altro grande vantaggio del trading online con i CFD risiede nell'opportunità di poter ottenere un profitto sia quando il prezzo del sottostante sale, che quando scende. Ovviamente, se la nostra previsione è corretta. In questa infografica di Wikipedia viene spiegato:

Fonte: Wikipedia

Facciamo però ora un esempio specifico del loro funzionamento in particolare in relazione alle azioni.

Cosa sono i CFD azionari

Supponiamo di utilizzare i CFD per fare trading online con le azioni Amazon. Possiamo seguire l’andamento del prezzo delle azioni di Amazon dal vivo con i CFD. Supponiamo di voler comprare direttamente della azioni attraverso la nostra banca. Acquistiamo ad esempio azioni Amazon. Abbiamo quindi una sola possibilità di guadagno e dovremo seguire il prezzo di tali azioni in attesa che il prezzo salga. Al contrario se utilizziamo i CFD per negoziare titoli Amazon, facendo previsioni nella giusta direzione possiamo investire sia quando il prezzo sale che quando diminuisce. Tuttavia, i trader potrebbero anche perdere se le loro previsioni sul movimento dei prezzi sono errate.

Su cosa investire con i CFD

Il CFD è un contratto estremamente flessibile infatti, grazie ad esso, è possibile negoziare con qualsiasi tipo di attività sottostante quotata sui mercati finanziari. I CFD consentono generalmente di operare in:

  • Forex (in questo caso il sottostante è una coppia Forex)

  • mercati azionari (in questo caso il sottostante è un titolo o un indice)

  • mercati delle materie prime

  • criptovalute.

Ad esempio, le piattaforme di trading CFD offrono la possibilità di fare trading con azioni importanti, come ad esempio investire in Netflix.

cfd tradingVa notato che grazie ai CFD possiamo negoziare in modo sicuro e legale anche con strumenti come il Bitcoin. Sembra una contraddizione poiché le criptovalute funzionano al di fuori dei circuiti autorizzati e regolamentati, ma è possibile fare trading su piattaforme regolamentate con CFD che hanno il Bitcoin come sottostante.

Quale Piattaforma CFD usare?

Per fare trading online, la prima cosa da fare è aprire un conto di trading su una piattaforma CFD. Ma quale fa al caso nostro? Qui di seguito presentiamo una tabella con alcuni dei migliori broker CFD.

  • Deposito Min: 1

    Licenza: 275/15

    Compra azioni al prezzo IPO

    Conto di riusparmio al 3%

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 204/13

    Copia i Migliori Trader

    1000 asset negoziabili

    I derivati sono strumenti complessi e implicano un alto livello di rischio

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Spread Stretti

    Formazione Gratuita

    Il 87.41% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

È importante verificarne le caratteristiche e peculiarità per capire se si adattano a noi ed al nostro stile di trading.

Capital.com

Leggi la guida Capital.com.

Tra le migliori piattaforme attualmente disponibili sul mercato troviamo Capital.com. Per  iniziare a fare trading con Capital.com si può effettuare un deposito minimo di soli 20 euro utilizzando vari strumenti come:

  • bonifico bancario

  • carta di credito

  • PayPal

  • Skrill

  • Neteller.

Quando effettui un deposito puoi iniziare a fare trading con denaro reale. Inoltre è possibile operare in modalità demo senza effettuare un deposito ma utilizzando denaro virtuale e potendo così fare pratica senza correre alcun rischio. Come tutte le migliori piattaforme di trading di CFD online, Capital.com non addebita commissioni non ci sono commissioni per aprire l'account o negoziare. Ciò significa che il trader avrà maggiori profitti senza dover pagare commissioni elevate come quelle richieste da altre piattaforme.

Prova ad iscriverti a Capital.com gratis da qui.

eToro

Leggi la guida eToro.

Un'altra piattaforma molto apprezzata dai principianti è eToro. È famoso perché consente il trading automatico copiando le operazioni dei migliori trader. Infatti, grazie al sistema brevettato CopyTrading di eToro, si possono trovare trader che in passato hanno realizzato i profitti più alti  e con meno rischi. Dobbiamo solo utilizzare i vari filtri proposti dalla piattaforma e selezionare i trader che desideriamo copiare. Il sistema poi si occuperà di copiare ed eseguire sul mercato ogni singola operazione. I principianti ottengono un doppio vantaggio con eToro: 

  1. buoni risultati immediati

  2. la possibilità di imparare il trading online osservando chi già lo sa fare (molto meglio che studiare qualsiasi libro di trading).

Tuttavia, cosa motiva i trader più esperti ad autorizzare eToro affinchè i trader principianti possano copiarli? Semplicemente eToro li paga in base al numero di follower che ottengono. Tale profitto viene aggiunto ai normali pagamenti profitti riescono a ottenere. Ciò li motiva non solo a dare l'autorizzazione, ma anche a offrire qualsiasi tipo di consulenza e assistenza ai trader meno esperti. La piattaforma eToro agisce così come un social network, di fatti è definita la miglior piattaforma di Social Trading al mondo.

Prova ad iscriverti a eToro gratis da qui.

Plus500

Leggi la guida Plus500.

Plus500 è uno dei migliori broker CFD al mondo. Rispetto a qualsiasi altro broker, ha la licenza con la maggioranza degli enti di regolamentazione a livello mondiale. Possiamo visitare la pagina Plus500 facendo clic qui e vedere di persona il lungo elenco di autorizzazioni in suo possesso. Possiamo affermare che Plus500 è veramente una superpotenza sul mercato grazie alla grande varietà di CFD che offre: oltre 2.200 diversi strumenti finanziari. E i vantaggi non finiscono qui. Plus500 non addebita commissioni. Il broker applica delle tasse e guadagna dallo spread, una differenza minima tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita. In questo caso Plus500 non ha concorrenti perché offre sia strumenti con uno spread variabile che strumenti con uno spread fisso e basso.

Prova ad iscriverti a Plus500 gratis da qui.

Il trading CFD come funziona?

Un esempio concreto può essere senza dubbio utile per comprendere come funziona il trading CFD senza dubbi. Si ipotizzi di avere intenzione di investire in 50 azioni di una società, come per esempio comprare azioni Amazon (AMZN), e che le azioni sono quotate 20 euro. Nel caso in cui si dovessero comprare le azioni in maniera classica, sarebbe necessario avere a disposizione un budget di 1.000 euro: è cioè 20 euro per 50 azioni. In più, bisognerebbe aggiungere le spese di negoziazione e i costi di commissione, il che finirebbe per ridurre ancora il margine.

Niente di tutto questo si verifica con i CFD, a prescindere dal fatto che si decida di fare trading con o senza leva finanziaria. Se non si sfrutta la leva finanziaria, si ha la possibilità di eseguire l’operazione che abbiamo appena menzionato in modo estremamente facile e, soprattutto, senza che si sia costretti a far fronte a ulteriori oneri economici. Infatti, non ci sono commissioni da pagare. Nel caso in cui si voglia cimentarsi nel trading CFD sfruttando la leva finanziaria, invece, si ha la possibilità di immobilizzare una quota inferiore di capitale ma con l’opportunità di ottenere guadagni più elevati (in caso di investimenti indovinati, ovviamente). Se, per esempio, si sceglie una leva finanziaria 2x, vuol dire che bastano 1.000 euro per aprire una posizione di 2.000 euro, con la quota rimanente che viene messa a disposizione dal broker.

Ovviamente la leva finanziaria è un’arma a doppio taglio, e dunque uno strumento da maneggiare con la massima cura: è vero che i guadagni possono essere moltiplicati, ma lo stesso vale anche per le eventuali perdite.

Ciò che più conta, ad ogni modo, è che il trading CFD in alcuni casi è privo di commissioni, e dunque del tutto gratuito. Nel momento in cui viene aperta una posizione con un contratto per differenza, ciò determina una minima perdita che corrisponde al valore dello spread. Per esempio, nel caso in cui lo spread del broker sia pari a 10 centesimi, sarà necessario un apprezzamento del titolo di 10 centesimi per poter arrivare al punto di pareggio.

I costi dei CFD

Anche l'utilizzo dei CFD comporta dei costi seppur di molto inferiori a quelli che si deve sostenere per operare sui mercati con azioni reali, ad esempio attraverso la propria banca. Qui di seguito alcuni dei tipici costi da sostenere per l'utilizzo dei CFD.

Spread

Quando fai trading con i CFD, paghi uno spread, che è la differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita. Una transazione di acquisto viene inserita utilizzando il prezzo di acquisto indicato e completata utilizzando il prezzo di vendita indicato. Man mano che lo spread cresce, il prezzo dovrà muoversi maggiormente a tuo favore prima che tu possa realizzare un profitto.

Commissione di mantenimento

Alla fine di ogni giorno di negoziazione (17:00 ora di New York), tutte le posizioni detenute nel tuo conto potrebbero essere soggette a una commissione nota come "commissione di mantenimento".

Commissione sui dati di mercato

In alcuni casi per negoziare o visualizzare i dati sui prezzi per CFD e azioni, è necessario completare la registrazione dei dati di mercato necessari per la quale ti verrà addebitato un costo. Nel caso di broker come eToro o Capital.com questi costi sono azzerati.

Come fare trading CFD

Sempre facendo riferimento all’esempio che abbiamo menzionato in precedenza possiamo cercare di capire come funziona il trading CFD e che cosa si può fare per investire con i CFD. Si ipotizzi che il prezzo dello strumento sottostante, partendo dai 20 euro iniziali, sia in crescita e arrivi a una quotazione di 21 euro. Il capitale, ora, ha un valore di 2.100 euro, se non è stata utilizzata la leva finanziaria: il che vuol dire che al netto dello spread il profitto è di 100 euro.

Qualora si fosse deciso di investire sfruttando la leva finanziaria 2x, invece, il guadagno sarebbe stato sempre di 100 euro, ma con metà del capitale immobilizzata.

D’altro canto, qualora il mercato avesse preso la direzione contraria, le perdite riscontrate sarebbero a loro volta state più consistenti. È evidente, dunque, che con la leva finanziaria crescono in misura consistente sia i profitti che il rischio: ecco perché tale risorsa deve essere utilizzata con la massima attenzione.

Vantaggi

  • Offrono un'ampia varietà di sottostanti (indici, azioni, materie prime, criptovalute) nei mercati di tutto il mondo, permettendo anche di fare trading sul forex.

  • Possibilità di investire al rialzo od al ribasso, aprendo posizioni short e long.

  • Permettono di sviluppare diverse strategie: investimenti, speculazione, copertura del portafoglio.

  • Riproducono esattamente l'evoluzione del prezzo di un indice, di un'azione o di una materia prima.

  • In molti casi un importo minimo di apertura del conto molto basso (con Capital.com solo di 20 euro) per iniziare a fare trading e nessuna spesa di mantenimento del conto.

  • I CFD non hanno una data di scadenza e non è necessario modificare i contratti per mantenere posizioni a lungo termine).

  • È possibile fare pratica tramite un conto demo gratuito.

Svantaggi

  • Il trading dei CFD richiede un costante monitoraggio e sorveglianza del vostro investimento.

  • I CFD sono strumenti associati ad un alto rischio. Tra il 74% e l'89% degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading con i CFD. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre un alto rischio.

  • Ricordate che anche se il CFD replica il prezzo di un'attività, quando si acquista un CFD non si acquista un'azione, quindi non si ha alcun diritto come quello di partecipare alle assemblee o di percepire un dividendo.

Cos'è la Leva sui CFD?

Finora abbiamo elencato i due principali vantaggi dei CFD: 

  1. il trading costa meno perché non ci sono commissioni

  2. è possibile guadagnare tanto sia che il prezzo sale che se il prezzo scende. 

Tuttavia, c'è un altro vantaggio da considerare: l'effetto della leva finanziaria.

Quando si fa trading online con i CFD è possibile moltiplicare i profitti grazie all'effetto della leva finanziaria. Purtroppo, per lo stesso principio, occorre tenere presente che anche le perdite possono moltiplicarsi.

Come funziona la leva finanziaria con i CFD?

Torniamo all’esempio delle azioni di Amazon. Investiamo 100 euro con i CFD e supponiamo che il prezzo di Amazon aumenti dell'1% fino a quando decidiamo di chiudere la nostra posizione. Poiché il CFD copia esattamente il comportamento delle azioni Amazon, il profitto che otterremo sarà di 1 euro. Supponiamo ora che il broker ci consenta di investire in un CFD del valore di 4.000 euro con un investimento di 100 euro. In questo caso, alle stesse condizioni che abbiamo descritto nel paragrafo precedente, il nostro profitto sarà di 400 euro. Investendo solo 100 euro abbiamo realizzato un profitto di 400 euro.

leva cfdSarebbe come se il broker ci facesse un prestito e potessimo usare quei soldi per investire. Se le cose non vanno come previsto, il broker chiuderà la posizione prima che il capitale investito in quella posizione si esaurisca.

Pertanto, l'effetto leva ha due vantaggi molto importanti

  1. da un lato, può moltiplicare i nostri profitti

  2. dall'altro, non mette a repentaglio il capitale del cliente. Anche se utilizziamo una leva finanziaria molto elevata utilizzando i CFD, l'importo massimo che si può perdere equivale a quanto abbiamo versato.

In questo senso, l'effetto della leva finanziaria è molto diverso dal margine, un meccanismo offerto da molte banche.  In effetti, quando viene utilizzato il margine, si ottiene effettivamente un prestito che è spesso garantito dal broker. In questo modo si ottiene un capitale più elevato che garantisce profitti se le cose vanno nella giusta direzione. Ma cosa succede se le azioni che abbiamo acquistato a margine crollano? Non solo si perderà il capitale utilizzato per l'operazione ma anche tutto ciò che si è dato come garanzia per ottenere il prestito.

Trading CFD al rialzo

Se vogliamo puntare sull'aumento del valore di un titolo sfruttando la leva offerta dai CFD e abbiamo 1.000 euro sul conto. Se si tratta di un titolo ad alta liquidità e bassa volatilità potremmo acquistarlo per circa 10 volte la liquidità di cui disponiamo, cioè fino a 10.000 euro in questo caso. Come per l'acquisto di azioni, la plusvalenza o la minusvalenza sarà la differenza tra i prezzi di acquisto e di vendita di ogni CFD, al netto di eventuali commissioni e costi di finanziamento.

Trading CFD al ribasso

Se vogliamo speculare sulla diminuzione del valore di un titolo, venderemo prima i CFD, sperando che le azioni diminuiscano e poi riacquisteremo i CFD più economici, ottenendo così un profitto. Se il prezzo delle azioni sale, compreremo il CFD più costoso, prendendo una perdita. Come nel caso precedente, se volessimo assumere una posizione ribassista su quello stesso titolo, con 1.000 euro in conto potremmo vendere fino a 10.000 euro.

I CFD sono rischiosi?

Il trading online è rischioso come qualsiasi tipo di investimento finanziario. Se qualcuno afferma che non è rischioso, è un truffatore. Ad ogni modo, possiamo dire che l'uso di broker affidabili (in questa guida ne abbiamo presentati alcuni) elimina completamente il rischio di truffe o frodi. Il rischio di mercato non può essere eliminato, ma può essere controllato. Come? I trader hanno diversi strumenti tutto sommato semplici per controllare il rischio.

Uno degli strumenti più semplici ma più efficaci è la gestione del denaro: fare money management significa semplicemente dividere il capitale in piccole parti e utilizzare solo una parte in ciascuna operazione. Di conseguenza, anche se un CFD si chiude in perdita, l'impatto sul capitale totale è minimo. Vogliamo ricordare brevemente che le migliori piattaforme CFD ti consentono di iniziare con un capitale molto basso.

Stop loss

Lo strumento più straordinario per controllare il rischio è chiamato Stop loss. I migliori broker (che abbiamo fornito nella tabella all’interno dell’articolo) garantiscono la possibilità di impostare stop loss su qualsiasi operazione CFD. Uno stop loss è il livello massimo di perdita che si è disposti ad accettare. Se un'operazione va male e raggiunge il livello di perdita stabilito, l'operazione si chiude automaticamente.

In altre parole, con lo stop loss si può davvero decidere quanto possiamo perdere se tutto dovesse andare storto. Quindi perché non tutti i principianti lo usano e perdono invece così tanti soldi? Semplicemente perché molte volte non sanno nemmeno che esiste. Per questo è una buona idea visitare ad esempio il sito ufficiale di eToro dove spiega come usare al meglio lo stop loss. (clicca qui)

Come scegliere la strategia di trading CFD

Non è così semplice riuscire a individuare un mercato adatto in cui investire: ma questo è solo il primo compito in cui ci si deve cimentare per giungere al profitto. È molto importante, infatti, anche mettere in atto una strategia che si riveli efficace. Questo vuol dire capire, prima di tutto, qual è il proprio stile di trading, e a partire da questo individuare una strategia in linea con esso. Una delle strategie di trading con i contratti per differenza di maggior successo va individuata senza dubbio nel breakout: si tratta, molto semplicemente, di trovare un livello di prezzo chiave per un certo titolo. Nel momento in cui il prezzo tocca il livello chiave, si deve scegliere se vendere o comprare, a seconda della tendenza. Quando si opta per il breakout trading, il più importante aspetto da tenere a mente è quello di astenersi dall’esecuzione di qualunque operazione se dal mercato non provengono segnali di chiara interpretazione.

Nel novero delle strategie di trading CFD potenzialmente redditizie, poi, va menzionata la contrarian. Poiché le tendenze hanno una durata limitata e prima o poi sono destinate a esaurirsi, è necessario comportarsi di conseguenza. Per esempio, nel caso in cui il prezzo di un titolo sia in discesa, è necessario trovare un punto in cui si pensa possa essere prossimo alla conclusione della tendenza. Dopodiché si entra in una posizione di acquisto nella prospettiva che da un momento all’altro si verifichi una inversione di tendenza e il trend svolti nella direzione opposta. Ovviamente, la medesima procedura può essere seguita nel caso inverso, e cioè quando il prezzo è in crescita.

Conclusione

Un contratto per differenza (CFD) è uno strumento di investimento derivato, di solito senza scadenza, che consente di negoziare sui movimenti di prezzo senza possedere l'attività sottostante. I CFD consentono di realizzare profitti sia nei mercati in crescita che in quelli in calo o di essere utilizzati come copertura per gli investimenti azionari. I CFD sono prodotti Over The Counter (OTC), e come suggerisce il loro nome sono contratti per differenza, cioè un contratto tra due parti che si scambiano la differenza tra il prezzo di entrata e quello di uscita, moltiplicato per il numero di azioni o indici che sono stati concordati. Pertanto, il profitto o la perdita deriva dalla differenza tra il prezzo al quale sono stati acquistati e il prezzo di vendita.

Il prezzo del CFD è legato a quello del suo sottostante, che è quotato su un mercato organizzato e di cui conosciamo sempre il prezzo. I CFD sono prodotti a leva finanziaria, ovvero è possibile mantenere una posizione su un'attività senza pagare l'intero costo dell'attività, semplicemente il margine richiesto per tale operazione. Sono uno strumento straordinario per il trading nei mercati finanziari in quanto offrono diversi vantaggi: 

  • leva finanziaria (che può moltiplicare sia i guadagni che le perdite)

  • opportunità di guadagnare eventualmente sia al rialzo che al ribasso

  • non hanno commissioni

  • facilità d'uso.

I CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Dovete valutare se avete capito come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro.

FAQ

Cosa sono i CFD?

I CFD sono strumenti finanziari che replicano la performance di un'attività sottostante.

Come funzionano i CFD?

Replicando la performance di un'attività sottostante (azioni, valute, materie prime, indici azionari, criptovalute, ETF, obbligazioni e altro) e permettono di investire sia al rialzo che al ribasso. I trader potrebbero anche perdere se le loro previsioni sul movimento dei prezzi sono errate.

Come posso scambiare CFD online?

Attraverso piattaforme di trading CFD, fornite gratuitamente da broker specializzati.

Quali sono le migliori piattaforme per scambiare CFD?

Quelli che consigliamo di iniziare a fare trading sono eToro, Capital.com e Plus500 per affidabilità e semplicità.

Quanto costa negoziare CFD?

Il broker eToro, ad esempio, non addebita alcuna commissione, ma applica solo il costo dello spread.

Paolo Corvetto

CEO & Founder

È un analista dei mercati. Si occupa di borsa e trading online dal 1995. Ha scritto dei testi dedicati al mondo dei mercati finanziari e delle criptovalute. Ha particolare conoscenza dei mercati valutari e dell'impatto che i market mover oltre oceano possono avere sul dollaro e derivati.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro