Come investire nel Dow Jones

Paolo Corvetto
November 11th, 2022

Il DJ30 è l'indice il più famoso di New York e in questa guida vi mostreremo le sue peculiarità e come investire nel Dow Jones. Quando si parla di mercati finanziari, è necessario parlare anche di indici azionari, che riflettono le variazioni di valore e i rendimenti delle azioni. L'indice Dow Jones è calcolato sulla base del prezzo dei 30 titoli benchmark di Wall Street, scelti annualmente dal Wall Street Journal. In questo articolo approfondiremo perché e come investire nel Dow Jones.

Un investimento interessante potrebbe essere fatto in azioni farmaceutiche, come le azioni Merck. Ci sono anche altri titoli interessanti come quelli dell'industria petrolifera con azioni Chevron Corporation, oppure il settore delle nuove tecnologie con le azioni di Microsoft o Cisco Systems. All'interno dell'indice Dow Jones trovi tutto questo racchiuso in un solo strumento finanziario.

Come investire in Dow Jones dall’Italia

Nel momento in cui si sta pensando di effettuare trading online, è sempre meglio scegliere un broker che abbia una regolare licenza o che sia iscritto alla CySEC - la più alta autorità europea - in quanto queste sono garanzie a protezione del nostro deposito e dei nostri dati riservati (telefono, e-mail, indirizzo postale, Iban, numero di carta) da truffatori.

Oltre ad una regolare licenza, un broker di eccellenza dovrebbe offrire all'operatore una serie di servizi:

  • Formazione: tramite ebook, webinar, corsi on demand, incontri live annuali

  • Conto Demo: per esercitarti con soldi virtuali e quindi non rischiare nel caso tu sia un principiante oppure un esperto che vuoi provare nuove strategie.

  • Servizio clienti: attivo 7gg x 24h, facilmente accessibile attraverso più canali

  • Commissioni e spread: favorevoli

  • Grafici: chiari, che mostrano la cronologia degli asset

  • Applicazione: per fare trading ovunque tu sia, tramite smartphone o tablet.

Piattaforme per investire in Dow Jones

Per iniziare a fare trading sull'indice azionario Dow Jones 30 negli Stati Uniti, è necessario accedere a una piattaforma di trading. L’ideale è utilizzare piattaforme affidabili e regolamentate come le seguenti:

  • Deposito Min: 1

    Licenza: 275/15

    Compra azioni al prezzo IPO

    Conto di riusparmio al 3%

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 204/13

    Copia i Migliori Trader

    1000 asset negoziabili

    I derivati sono strumenti complessi e implicano un alto livello di rischio

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Spread Stretti

    Formazione Gratuita

    Il 87.41% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

eToro

La piattaforma di eToro offre grandi opportunità in quanto si basa sulla logica del Social Trading, molto simile a quella utilizzata da Facebook. Attraverso il Social Trading, si ha la possibilità di commentare, postare o seguire altri trader, oltre a facilitare l'utilizzo dello strumento di punta del brand, noto come Copy Trading. Il Copy Trading permette di copiare i movimenti proposti da trader più esperti al fine di aumentare le proprie possibilità di ottenere risultati favorevoli senza la necessità di avere conoscenze di trading molto avanzate.

  1. Accedi tramite questo link

  2. Fai clic sul pulsante “Accedi” o "Iscriviti ora"

  3. Se sei già registrato, inserisci username e password.

  4. Fai clic sulla scheda "Indici" nel menu in alto

  5. Cliccando su Dj30 potrai decidere se acquistare o vendere

  6. Definisci l'importo e i parametri aggiuntivi.

  7. Clicca su "Esegui operazione"

Cos'è l'indice Dow Jones

Il Dow Jones è un indice azionario che ci permette di conoscere il comportamento delle azioni e gli obblighi presentati dalle società quotate nel mercato azionario degli Stati Uniti. Viene calcolato utilizzando le 30 società con la maggiore capitalizzazione di mercato sulla Borsa di New York (NYSE), ad eccezione dei trasporti e dei servizi pubblici. Sebbene non sia l'indice ufficiale del NYSE, è posizionato come il più prestigioso nel monitoraggio di questo mercato. In generale, il Dow Jones potrebbe fare riferimento a uno qualsiasi degli indici dell'azienda che porta lo stesso nome, ma generalmente si riferisce al Dow Jones Industrial Average (DJIA).

Tipi di indice Dow Jones

  • Dow Jones Industrial Average (DJIA): è il più rilevante di questi indici e riflette l'andamento dei prezzi nel mercato azionario delle 30 società industriali più influenti degli Stati Uniti.

  • Dow Jones Utility Average (DJUA): riflette i titoli delle quindici maggiori società in mercati come il gas o l'elettricità.

  • Dow Jones Transportation Average (DJTA): include le venti più grandi società di trasporto e distribuzione.

  • Dow Jones Composite Average (DJCA): misura la performance delle azioni delle 65 società che fanno parte dei suddetti indici. Di queste, 56 vengono scambiate alla Borsa di New York (NYSE) e le restanti 9 vengono scambiate sul NADSAQ.

Nell'indice DJIA sono incluse società chiave di diversi settori economici come finanza, tecnologia, telecomunicazioni, commercio e petrolio. Queste società sono conosciute come blue chip, poiché secondo la logica del poker le blue chips sono quelle con il valore più alto.

Storia del Dow Jones

Questo indice è stato introdotto da Charles Dow il 26 maggio 1896, il che lo classifica come il secondo indice più antico negli Stati Uniti. nonché uno dei più utilizzati al mondo. La sua creazione effettiva risale al 1882, quando Dow ha avviato il Dow Jones & Company con il suo partner Edward Jones.

Il primo indice Dow fu creato nel 1884, quando Dow misurò la performance di 11 titoli legati ai trasporti. Successivamente, aggiustò i parametri del suo indice originale e lo chiamò Dow Jones Rail Average, che in seguito divenne Dow Jones Transportation Average. Dow ha notato che le società industriali stavano diventando più rilevanti delle società di trasporto, quindi ha creato un nuovo indice, il Dow Jones Average o DJIA e che era composto da società del settore industriale come quelle focalizzate su cotone, zucchero, tabacco e gas.

Pietre miliari storiche

  • 15 marzo 1933: guadagno percentuale più alto durante il mercato ribassista degli anni '30, con un totale del 15,34% e un guadagno di 8,26 punti.

  • 19 ottobre 1987: il calo percentuale più elevato durante il Black Monday. L'indice è sceso del 22,61%.

  • 17 settembre 2001: primo giorno di operazioni dopo l'attacco dell'11 settembre. Il Dow Jones è sceso del 7,1%.

  • 3 maggio 2013 - Il Dow Jones supera per la prima volta la soglia dei 15.000 punti.

  • 25 gennaio 2017 - L'indice Dow Jones chiude per la prima volta sopra i 20.000 punti.

  • 4 gennaio 2018: l'indice chiude sopra i 25.000 punti per la prima volta.

  • 12 febbraio 2020: il Dow Jones raggiunge un nuovo massimo storico di 29.551 punti.

  • Marzo 2020: l'indice scende sotto i 20.000 punti durante la pandemia globale di Covid-19. 

Come funziona l'Indice

Per calcolare il DJIA, di seguito denominato Indice Dow Jones, i prezzi delle 30 azioni vengono sommati e divisi da un divisore, noto come Dow Divisor. Questo Divisore viene adeguato in caso di frazionamento azionario o di cambiamenti strutturali, il tutto per garantire che tali eventi non alterino il valore numerico dell'indice. In un primo momento, il divisore iniziale era costituito dal numero di società. Negli anni si è specializzata una formula il cui asse di divisione è minore di uno. In altre parole, l'indice è maggiore della somma dei prezzi dei componenti.

Il Dow Jones generalmente apporta modifiche ai propri membri quando un'azienda perde rilevanza rispetto alle tendenze economiche attuali o quando si verifica un cambiamento economico più ampio e deve essere necessariamente apportato un cambiamento per rifletterlo in modo adeguato.

Limiti dell'indice Dow Jones

Dato che il mercato azionario statunitense e internazionale è molto più complesso di quanto non fosse quando l'indice è stato creato, il Dow Jones oggi è molto più simbolico che tecnico. Molti dei critici dell'indice sostengono che non rappresenti più in modo significativo lo stato dell'economia statunitense, dal momento che considerano un numero di società troppo piccolo e trascurano altri tipi di movimenti economici emergenti.

Allo stesso modo, molti dei suoi detrattori ritengono che l'indice S&P 500 offra una rappresentazione più fedele e diversificata dell'economia, includendo 500 società e non solo le 30 del Dow Jones. Inoltre, alcuni analisti ritengono che fare affidamento esclusivamente sul prezzo delle azioni non rifletta accuratamente un'azienda, una visione che può essere ottenuta dalla sua capitalizzazione di mercato.

Come viene calcolato l'indice Dow

Il divisore Dow è una costante predeterminata che definisce l'effetto di una mossa di un punto in uno qualsiasi dei 30 titoli che compongono l'indice. Il visualizzatore corrente può essere trovato nel Wall Street Journal ed è 0.14748071991788. Ciò riflette la somma del prezzo di un'azione per tutti i componenti, diviso per il divisore. Attraverso questo, è possibile determinare un movimento di un punto in una qualsiasi delle azioni, che sposterà l'indice di un certo numero di punti.

Prezzo DJIA = SOMMA (dei prezzi delle azioni dei componenti) / Dow Divisor

Dal 1928 ad oggi, la composizione dell'indice è variata per un totale di 60 volte. Il primo cambiamento su larga scala avvenne nel 1932, quando otto azioni furono sostituite all'interno del Dow Jones. L'ultima analisi dell'indice, il 24 agosto 2020, ha portato al cambio di 3 società: Salesforce, Amgen e Honeywell hanno preso i posti occupati da ExxonMobil, Pfizer e Raytheon Technologies. Questo cambiamento si è verificato a causa della pandemia globale, segnando uno dei cambiamenti più significativi dalla fine del secolo scorso. Tra le altre modifiche significative ci sono:

  • 1997: Quattro società vengono sostituite: Travelers Group, Johnson & Johnson, Hewlett-Packard e Wal-Mart prendono il posto di Westinghouse Electric, Bethlehem Steel, Texaco e Woolworths.

  • 1999: altri quattro componenti sono stati modificati: Home Depot, Intel, Microsoft e SBC Communications hanno sostituito Chevron, Sears Roebuck, Union Carbide e Goodyear Tire.

Le migliori aziende del Dow Jones

Le azioni all'interno dell'indice sono classificate in base ai loro prezzi, dove il più alto è quello che influisce con un peso maggiore sull'indice. In altre parole, se in un'azienda di prezzo più elevato si verifica una variazione percentuale significativa, questa avrà un impatto maggiore sul valore finale calcolato rispetto a quello di un'azienda di valore inferiore. Pertanto, una società con un prezzo di quotazione elevato delle sue azioni ha un peso maggiore all'interno dell'indice, indifferente ad altri fattori come reddito, guadagni o capitalizzazione di mercato.

Ogni anno un comitato composto da rappresentanti degli indici S&P Dow Jones e dai redattori del Wall Street Journal si riunisce per determinare se ci sono cambiamenti nella composizione del DJIA.

Componenti del Dow Jones Industrial Average
CompanySymbolYear Aggregate
3M CompanyMMM1976
American Express CompanyAXP1982
Amgen Inc.AMGN2020
Apple Inc.AAPL2015
Boeing Co.BA1987
CaterpillarCAT1991
Chevron Corp.CVX2008
Cisco SystemsCSCO2009
Coca Cola Co.KO1987
Dow Inc.DOW2019
Goldman SachsGS2013
Home DepotHD1999
HoneywellHON2020
IBM Intl.IBM1979
Intel Corp.INTC1999
Johnson & JohnsonJNJ1997
JP Morgan ChaseJPM1991
McDonald'sMCD1985
Merck & Co.MRK1979
MicrosoftMSFT1999
NIKE Inc. Cl.NKE2013
Procter & GamblePG1932
SalesforceCRM2020
Travellers C.TRV2009
UnitedHealth GroupUNH2012
Verizon Comm.VZ2004
Visa Inc.V2013
Walmart St.WMT1997
Walgreens B.WBA2018
Walt Disney CompanyDIS1991

Se vuoi fare trading con Dow Jones attraverso il trading online, l'ideale è utilizzare strumenti finanziari noti come CFD. Il trading di CFD sull'indice Dow Jones offre la possibilità di negoziare i futures trimestrali più vicini. Per il Dow Jones le scadenze sono marzo, giugno, settembre e dicembre. Ad esempio, coloro che fanno trading il 7 luglio scambiano i futures Dow Jones che scadranno il 30 settembre.

Conclusioni

L'indice Dow Jones funziona come un riferimento molto prezioso nel mercato statunitense. Tuttavia, non dovrebbe essere preso come l'unico riferimento, in quanto agisce in modo più simbolico che tecnico. Il monitoraggio dell'evoluzione della composizione del Dow Jones e del peso di ciascuna società in questo indice fornisce quindi una buona panoramica dell’andamento dell'economia degli Stati Uniti oggi e fa comprendere quali settori stanno crescendo o perdendo terreno.

I dati che otteniamo dall'indice Dow Jones, comunque, dovrebbero essere confrontati anche con altri indici con una gamma più ampia, come l'S&P 500, che basa i suoi dati su 500 società e non solo su 30. Se vuoi fare trading con una delle aziende che compongono questo indice è necessario tenere conto di analisi più tecniche e storiche, che aiutano a definire l'operazione di maggior successo attraverso dei grafici.

FAQ

Dove investire nel Dow Jones?

È possibile investire nel Dow Jones attraverso i principali broker online.

Perché investire nel Dow Jones?

Perché è un modo per diversificare i propri investimenti senza allocare denaro in una sola particolare azione suscettibile ad una maggiore volatilità.

Paolo Corvetto

CEO & Founder

È un analista dei mercati. Si occupa di borsa e trading online dal 1995. Ha scritto dei testi dedicati al mondo dei mercati finanziari e delle criptovalute. Ha particolare conoscenza dei mercati valutari e dell'impatto che i market mover oltre oceano possono avere sul dollaro e derivati.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro