Cos'è l'indice Dow Jones?

Marilena
October 25th, 2020

Quando parliamo di Dow Jones, o più precisamente di Dow Jones & Company, ci riferiamo a una delle società che si occupa di notizie finanziarie e economiche ed è una delle più grandi in questo settore. Nel corso dell’articolo approfondiremo cos'è il Dow Jones ed anche come investire in esso.

La creazione dell'azienda risale al 1882, quando Charles Dow, Edward Jones e Charles Bergstresser fondarono questa azienda. Due anni dopo, nel 1889, fondarono il Wall Street Journal, che ancora oggi continua ad essere una delle testate giornalistiche finanziarie più influenti a livello internazionale. Dow Jones & Company è il proprietario del Dow Jones Industrial Average, un indice di borsa che replica l’andamento delle società che lo compongono.

L'indice Dow Jones è il più famoso di New York e uno degli indici azionari più importanti al mondo. Questo viene calcolato sulla base del prezzo dei 30 titoli di riferimento di Wall Street, scelti ogni anno dal Wall Street Journal.

In questo articolo approfondiremo anche perché e come investire in questo indice, nel frattempo ricordiamo che è possibile farlo facilmente tramite eToro (clicca qui).

Cos'è il DOW JONES?

Il Dow Jones Industrial Average, noto anche come DJIA o Dow 30, è un indice azionario che ospita 30 importanti società quotate alla Borsa di New York.

Il DJIA è il secondo indice di mercato negli Stati Uniti in termini di età e si caratterizza come un indice progettato per fungere da indicatore della salute economica degli Stati Uniti e dell'economia mondiale in termini generali.

All'interno del Dow Jones troviamo grandi aziende come General Motors, Goodyear, IBM e Amgen.

Se queste società nell'indice hanno un rendimento positivo, significa che l'economia del paese sta "andando bene". Se invece l'economia "va male", i prezzi tendono a scendere.

Il Dow Jones funge quindi da campione delle tendenze del mercato nel suo complesso, questo diventa rilevante se si considera l'economia degli Stati Uniti come una delle principali ed in grado di generare tendenze a livello globale.

La composizione del DOW JONES

La valutazione dell’indice viene spesso eseguita per sostituire le società che non soddisfano più i criteri di quotazione corretti.

La composizione dell'indice è cambiata circa 60 volte dal lancio delle prime 30 componenti, soprattutto nei suoi primi anni all'indomani della Grande Depressione.

Ad esempio, nel 1932 otto dei componenti furono sostituiti all'interno del Dow Jones, e fu il primo cambiamento su larga scala.

A causa dei cambiamenti generati dalla pandemia del 2020, il 24 agosto sono state apportate tre modifiche, in cui le società Salesforce, Amgen e Honeywell hanno sostituito Exxon Mobil, Pfizer e Raytheon Technologies.

La tabella seguente elenca in ordine alfabetico le società incluse nel DJIA a partire da agosto 2020:

SocietàSimboloAnno inserimento
3MMMM1976
American ExpressAXP1982
AmgenAMGN2020
Apple Inc.AAPL2015
Boeing conBO1987
CaterpillarCAT1991
ChevronCVX2008
Cisco SystemsCSCO2009
The Coca Cola CompanyKO1987
Dow Inc.DOW2019
Goldman SachsGS2013
House WarehouseHD1999
HoneywellHON2020
IBMIBM1979
IntelINTC1999
Johnson and JohnsonJNJ1997
JPMorgan ChaseJPM1991
McDonald'sMCD1985
Merck & Co.MRK1979
MicrosoftMSFT1999
NIKENKE2013
Procter & GamblePG1932
Forza venditaCRM2020
viaggiatoriTRV2009
United Health GroupUNH2012
VerizonVZ2004
VisaV2013
WalmartWMT1997
Walgreens Boots AllianceAMB2018
The Walt Disney CompanyDIS1991

Come viene calcolato

Quando l'indice è stato lanciato nel 1896, era composto solo da 12 società, concentrate principalmente sul settore industriale come le ferrovie, cotone, gas, zucchero, tabacco e petrolio.

Con l'evoluzione dell'economia, la composizione dell'indice è cambiata. Il Dow apporta modifiche quando un'azienda perde rilevanza rispetto alle tendenze economiche attuali o quando si verifica un cambiamento molto ampio a livello economico e il cambiamento si rifletterà così all'interno dell'indice.

Ad esempio, se una società perde una percentuale della sua capitalizzazione di mercato a causa di determinate difficoltà finanziarie, è passibile di essere rimossa dal Dow Jones.

calendario azioni dow jonesLa ponderazione che viene effettuata nell'indice è in base al prezzo delle azioni. In altre parole, un'azione sarà tanto più rilevante nell'indice quanto più valore avrà sul mercato.

Questo è noto come Dow Divisor, una costante predeterminata utilizzata per determinare l'effetto di una mossa di un punto in uno qualsiasi dei 30 titoli che compongono l'indice. L'attuale divisore trovato nel Wall Street Journal è 0,14748071991788.

Il Dow non è calcolato con una media aritmetica e non tiene conto della capitalizzazione di mercato, come fanno gli altri indici. Invece, riflette la somma del prezzo di un'azione per tutti i suoi componenti diviso per il Dow Divisor.

Prezzo DJIA = SOMMA (prezzi delle azioni dei componenti) / Divisore Dow

Ad esempio, se le azioni di una società aumentano da $ 100 a $ 110 e le azioni di una seconda società scendono da $ 11 a $ 10, il Dow aumenterà complessivamente, anche se il primo membro è aumentato del 10% e il secondo membro è sceso del 10%.

Pietre miliari storiche del DOW JONES

Di seguito sono riportate alcune importanti pietre miliari storiche raggiunte dal Dow: 

  • 1933: il 15 marzo ha visto il guadagno percentuale più alto in un giorno, poiché il Dow ha guadagnato 8,26 punti chiudendo al 62,10%. 

  • 1987: il 19 ottobre, noto anche come Black Monday, il calo percentuale più elevato si verifica in un giorno, poiché l'indice è sceso del 22,61%.

  • 2001: il 17 settembre è il quarto più grande calo di punti in un giorno, grazie agli eventi dell'11 settembre. Il Dow quel giorno è sceso di 684,81 punti, che rappresenta un calo vicino al 7,1%.

  • 2013: il 3 maggio, il Dow ha superato per la prima volta nella storia la soglia dei 15.000. 

  • 2017: il 25 gennaio il Dow Jones ha chiuso per la prima volta sopra i 20.000 punti.

  • 2018: il 4 gennaio 2018 chiude per la prima volta sopra i 25.000 punti.

  • 2019: l'11 luglio il Dow ha superato i 27.000 per la prima volta nella sua storia.

  • 2020: il 12 febbraio 2020, il Dow raggiunge un nuovo massimo storico di 29.551.

  • Marzo 2020: a causa della pandemia di coronavirus, il Dow scende sotto i 20.000 punti e con cifre di perdita di 3.000 punti in un solo giorno.

I limiti dell’indice Dow Jones          

C'è un certo gruppo di analisti economici che sono critici nei confronti dell'indice Dow Jones, poiché sostengono una mancanza di rappresentanza significativa per determinare l'economia degli Stati Uniti.

Sostengono che 30 società a grande capitalizzazione non possono essere la base per analizzare l'economia del paese, poiché trascurano società di dimensioni diverse.

Per questo motivo molti preferiscono avere come riferimento l' S&P 500, che comprende 500 aziende, il che dà loro un maggior margine di diversificazione.

A peggiorare le cose, alcuni critici ritengono anche che prendere solo il prezzo delle azioni potrebbe non riflettere un'azienda nel modo in cui lo fa il fattore di capitalizzazione di mercato. In altre parole, il prezzo di un'azione potrebbe essere sopravvalutato, influenzando notevolmente sull'accuratezza dell'indice Dow Jones.

Confronti tra il DOW JONES e altri indici

In che modo il Dow è diverso dall' S&P 500?

Sia l'indice Dow Jones che l' S&P 500 sono usati come indicatori per misurare la performance del mercato azionario. Tuttavia, differiscono ampiamente per certi aspetti.

Il più notevole è il numero di società incluse, il Dow Jones è un indice molto esclusivo di soli 30 componenti e l'S&P 500 molto più grande prendendo in considerazione 500 società.

Sebbene questo serva a fornire prestigio alle società che appartengono al Dow Jones, la verità è che l’esiguo numero di società che lo compone indebolisce il Dow come strumento di misurazione del mercato azionario in termini generali, poiché ciò che accade all'interno delle 30 società più grandi non rappresenta necessariamente ciò che accade nel mercato in generale.

Un altro fattore determinante è la ponderazione delle sue azioni, dove nel Dow Jones è calcolata dal prezzo delle azioni e nell'S&P 500 dalla capitalizzazione di mercato di ciascuna delle sue società. Si ritiene che sia molto meglio ponderare la capitalizzazione di mercato poiché vi sono rappresentati sia il prezzo delle azioni che il numero di azioni circolanti nel mercato.

In che modo il Dow è diverso dall'indice azionario Nasdaq?

L'indice Nasdaq è il terzo indice azionario più grande degli Stati Uniti, ma non riflette il mercato azionario statunitense in generale, come pretende di fare il Dow Jones.

Ciò è spiegato dal fatto che la maggior parte dei componenti dell'indice NASDAQ sono società del settore tecnologico, anzichè essere di diversi settori del mercato.

Ad esempio, il NASDAQ è passato da meno di 1.000 punti nel 1995 a più di 5.000 punti all'inizio del secolo a seguito della bolla Dotcom.

In altre parole, gli investitori hanno acquistato azioni di società tecnologiche durante questo periodo in grandi quantità, il che è diventato insostenibile.

Nel momento in cui è scoppiata la bolla tra il 2001 e il 2002, il NASDAQ è sceso di nuovo a 1000. Se analizziamo l'impatto che c'è stato sul Dow Jones non è stato così marcato e non ha mostrato cali di tale portata.

Come investire in DOW JONES dall’Italia

Per investire nell'indice Dow Jones o qualsiasi altro simile come S&P 500 o NASDAQ 100, è necessario aprire un conto con un broker regolamentato che consenta di fare trading in sicurezza attraverso le sue piattaforme.

Un broker regolamentato funge da intermediario tra l'utente e i mercati finanziari, il che consente la gestione sicura del denaro durante il deposito e la gestione dei fondi.

La cosa più importante è che il broker abbia tutte le necessarie autorizzazioni, poiché questo ci dà la certezza che in caso di qualsiasi evenienza ci sarà un istituto finanziario che garantisce per i soldi depositati.

indice-dow-jonesConsigliamo di utilizzare eToro, broker leader nel mercato del trading online che ha introdotto una nuova funzionalità in termini di possibilità di acquistare azioni senza CFD. Fino a poco tempo fa, gli utenti di eToro potevano scambiare azioni solo ed esclusivamente tramite Contratti per Differenza.

Con questa nuova funzionalità, i trader hanno la possibilità di acquistare azioni e mantenerle nei loro portafogli, diventando azionisti dell'azienda di cui acquistano le quote.

Questo broker offre inoltre ai propri utenti la possibilità di operare con più di 1000 azioni delle più importanti borse valori del mondo, oltre ad avvalersi del suo strumento di punta, il Copy Trading, che permette la copia automatica delle operazioni dei trader più esperti.

Come acquistare azioni su eToro? Come continuare a farlo tramite i CFD? Quali sono le nuove funzionalità disponibili per gli utenti eToro? In questo articolo troverai le risposte a queste domande. Puoi anche aprire un account tramite questo link.

Piattaforme per investire in DOW JONES: eToro

Acquistare azioni su eToro può essere fatto in modo semplice, e non è molto diverso dall'assumere una posizione long tramite CFD.

Nel caso in cui si decida operare al ribasso, la piattaforma di eToro aprirà automaticamente una posizione CFD.

Secondo gli esperti, il trading sugli indici o sulle società che li compongono è il modo migliore per iniziare a fare trading. Tramite eToro è molto facile farlo con l'indice Dow Jones.

Di seguito vedrai un'immagine che ti guideranno nell'utilizzo della piattaforma a questo scopo:

investire-indice-sp-500Per quanto riguarda Dow Jones, basta cliccare su "Strumenti" nel menù a sinistra e poi selezionare "Indici" nel menù sopra. Qui puoi selezionare l'indice "DJ30" e visualizzarne il prezzo.

FAQ

Cos'è l'indice Dow Jones?

È un indice che include le 30 società statunitensi quotate alla Borsa di New York e che hanno il valore più alto in termini di prezzo delle azioni.

Come investire nell'indice Dow Jones?

Può essere fatto online tramite broker di trading regolamentati che ti consentono di investire nell'indice o nei suoi componenti. Consigliamo di utilizzare eToro, in quanto offre ottimi strumenti come il Copy Trading.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro