Asset Negoziabili Per il Trading Con Plus500: quali sono?

Marilena
October 19th, 2020

La quinta lezione della nostra guida su Plus500 si concentrerà su quali sono gli asset disponibili per fare trading su Plus500. Si suddividono in categorie, alcune delle quali sono: valute Forex, Criptovalute, materie prime, azioni, indici di borsa, ETF, opzioni. Su tutte queste categorie è possibile fare trading con Plus500.

Gli asset su Plus500 sono negoziabili usando uno strumento particolare: i CFD. Ne parleremo meglio nel corso della lezione, intanto se vuoi puoi iscriverti gratuitamente al conto demo di Plus500 cliccando qui per verificare le informazioni di questa lezione.

Trading su Plus500: Forex

Il mercato delle valute Forex è accessibile da Plus500 e si riferisce al mercato di negoziazione tra coppie di valute (come la famosa coppia Euro/Dollaro). Il rapporto del prezzo tra queste coppie può variare, influenzandone la quotazione. Se nella coppia EUR/USD si rafforza l’euro, il valore dell’asset andrà al rialzo, viceversa se si rafforza il dollaro andrà al ribasso. Operando con Plus500 è possibile cercare di sfruttare a proprio vantaggio entrambe le eventualità, in quanto grazie ai CFD è possibile aprire operazioni sia long (rialzo) che short (ribasso). 

forex plus500Con Plus500 si può fare trading su tutti i cambi di valute principali e secondari. Si può anche investire in criptovalute (ad esempio il famoso Bitcoin).

Un piccolo elenco esemplificativo delle valute presenti su Plus500 sono: 

  • EUR (Euro)

  • USD (Dollaro Americano)

  • GBP (Pound Britannico)

  • JPY (Yen Giapponese) 

  • AUD (Dollaro Australiano)

  • Peso Messicano

  • Rublo Russo

  • Renminbi Cinese

  • ecc…

Per avere informazioni specifiche sugli investimenti nel Forex, consulta la nostra guida.

Azioni disponibili per il trading con Plus500

I titoli disponibili con Plus500 sono davvero tantissimi, infatti è una delle piattaforme di trading online che ne offre di più. Molte azioni sono americane, prese dai 3 indici principali NYSE, NASDAQ e Dow Jones. Sono più numerose perché di base sono più numerose di quelle di altri mercati. 

Sono infatti presenti anche molte azioni del mercato italiano, tra cui quasi tutte quelle del FTSE MIB e alcune del Mid CAP

Le azioni italiane non sono le uniche del mercato europeo presenti su Plus500, ma anche quelle di altri paesi, come ad esempio Germania, Regno Unito, Francia, Belgio, Spagna e altri.

Sono presenti su Plus500 anche la borsa Australiana e quella di Hong Kong

azioni plus500Cosa spinge un’azienda ad approdare in borsa? Con i titoli azionari, le aziende possono ricavare capitale utile per potenziare la loro produzione. Spesso Plus500 consente di iniziare a negoziare in un titolo azionario già dal primo momento in cui viene immesso sul mercato. 

Con Plus500 si può negoziare su azioni attraverso i CFD. Facciamo una piccola panoramica di questo strumento dicendo che si trattano di Contratti per Differenza basati su un asset sottostante e non implicano l’acquisto di quote di proprietà della società di riferimento. Chi negozia con i CFD, a differenza di chi compra direttamente azioni, non sta diventando un beneficiario dei dividendi della società e non avrà diritto di voto alle assemblee. Semplicemente potrà speculare sul valore dell’azione e cercare di ottenerne un beneficio attraverso una buona previsione dei movimenti di mercato.

I broker che come Plus500 offrono la negoziazione con i CFD non applicano commissioni sulle operazioni ma uno spread. Per questo il prezzo dei CFD varia leggermente rispetto al prezzo di mercato dell’asset.

I CFD, inoltre, sono negoziabili utilizzando una leva finanziaria. L’utilizzo di questo strumento consente di esporsi sul mercato con un margine di capitale maggiore rispetto a quello effettivamente investito. Questo potenziamento della forza dell’investimento stesso può portare sia ad un aumento di guadagno ma anche ad una maggiore perdita se le previsioni non dovessero realizzarsi. Si può usare la leva finanziaria sia in investimenti al rialzo che al ribasso.

Materie prime

Le materie prime sono materiali che fungono da base per prodotti finiti realizzati grazie ad una industria. Vengono ritenute materie prime l’oro, l'argento, il gas naturale, il petrolio, il rame, il grano, il caffè, lo zucchero e via discorrendo. 

Con Plus500 è possibile fare trading online sulle materie prime

plus500 materie primeCome? 

Attraverso i CFD. Con Plus500 si può investire in CFD sulle materie prime, cioè contratti che hanno come sottostante di riferimento il future di una materia prima in particolare. 

Cosa sono i Future?

Sono uno strumento finanziario attraverso il quale due parti decidono di effettuare uno scambio di una certa quantità di merce ad una certa cifra.

Indici di borsa

I titoli che appartengono ad una determinata categoria possono entrare a far parte degli Indici di Borsa, soddisfacendo determinati requisiti. Parlando della borsa italiana, ad esempio, l’indice FTSE MIB comprende i titoli di società italiane con capitalizzazione alta. Il DAX, invece, è un indice tedesco composto da titoli di società tedesche ad alta capitalizzazione. 

Questo stesso pattern si ripresenta per gli altri indici azionari mondiali, come il Dow Jones in America che raggruppa i 30 titoli più influenti del mercato americano. Su Plus500 è possibile investire sugli indici con i CFD. Per orientarsi, il nome di questi CFD richiamano il nome del paese di provenienza dell’indice sottostante di riferimento più un numero.

plus500 indiciSe non hai quindi familiarità nel ricordare il nome degli indici, con questo metodo mnemonico ti si semplifica il lavoro. Per fare un esempio, il CFD relativo all’indice italiano FTSE Mib si chiama Italia 40.

Su cosa si basa il CFD di un indice azionario? 

Come abbiamo già detto nel paragrafo relativo alle materie prime, anche in questo caso i CFD si basano sui futures.

ETF

La sigla ETF sta per Exchange Traded Fund. Come il nome suggerisce si tratta di fondi negoziabili suddivisi in quote, come avviene per le azioni. Gli ETF quindi sono quindi dei fondi di investimento molto liquidi. Le quote ETF sono il sottostante di riferimento per i CFD su ETF.   

plus500 etfGli ETF vengono nominati con sigle riferite al nome inglese del fondo stesso (ad esempio GLD, QID, FAS, GOLD.AX, ecc…). 

Opzioni su Plus500

Con Plus500 si può anche negoziare sulle opzioni. Non si tratta di opzioni binarie, ma di CFD basati su opzioni degli indici e sono sbarcate in italia da poco. Con le opzioni si diventa possessori di un contratto che conferisce il diritto di acquisto o vendita del titolo sottostante a cui fa riferimento l’opzione. Si può comunque anche decidere di non effettuare nessuna di queste azioni, quindi non si è in obbligo di investimento. Anche in questo caso, l’opzione su un indice si riferisce ai futures sull’indice. 

Cosa sono i CFD con cui fare trading su Plus500?

Gli strumenti di cui abbiamo parlato in questo articolo sono tutti disponibili su Plus500 attraverso l’utilizzo di CFD (Contracts for Difference). Con i CFD si accordano virtualmente due parti (acquirente e venditore) sullo scambio di denaro basato sulle variazione di prezzo di un’attività sottostante. Quindi, il valore stesso del CFD è collegato alla variazione di prezzo del sottostante

Leggi anche: Cosa sono i CFD?

Il cambiamento di valore si basa sulla differenza del prezzo di apertura con quello di chiusura. In base ad una corretta analisi dell’andamento del prezzo, l’acquirente può guadagnare se il valore va nella direzione prevista o perdere nel caso contrario. L’acquirente può liberamente decidere di investire con i CFD sia al rialzo/long che al ribasso/short.

Passa alla lezione successiva

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro