Come iniziare con il Trading di Criptovalute

Giorgia Pitti
November 10th, 2022

Nel corso degli ultimi anni il trading di criptovalute ha permesso a molti dei trader più abili di ottenere delle ottime soddisfazioni, ma al tempo stesso è stato causa di perdite per chi si è reso protagonista di investimenti sbagliati. L’interesse nel trading sulle crypto, ad ogni modo, si mantiene alto proprio grazie ai numerosi trader che sono stati in grado di ottenere risultati soddisfacenti: c’è chi è perfino riuscito a trasformarsi in un milionario.

trading criptovalute copiareMa quali sono gli accorgimenti che vale la pena di mettere in pratica per fare trading di monete virtuali senza commettere sbagli? Prima di tutto, conviene puntare su una piattaforma di trading adeguata: tra le migliori spicca eToro.

A tal proposito potrebbe interessarti la nostra guida che ti spiega quali le migliori piattaforme di trading criptovalute.

Che cos'é il trading di monete virtuali?

Per conoscere più a fondo il trading di monete virtuali è necessario capire di che cosa si parla quando si fa riferimento alle criptovalute. Si tratta di una forma specifica di moneta digitale la cui gestione è resa possibile dalla crittografia. Quasi sempre, le monete digitali funzionano per mezzo di un database distribuito e grazie a una blockchain. È il caso, per esempio, di Ethereum o di Bitcoin: per queste monete virtuali, la gestione è del tutto decentralizzata. La sola moneta virtuale di rilievo che si caratterizza per un livello di centralizzazione più elevato è Ripple. Sia Bitcoin che le altre criptovalute vengono ritenute le monete del futuro, e hanno attirato l’attenzione di molti investitori soprattutto perché non sono esposte al rischio di inflazione.

Va detto, comunque, che le criptomonete sono asset finanziari:

  • Ancora molto recenti

  • Contraddistinti da un alto livello di volatilità

  • Con un prezzo che può crescere o scendere in maniera rapida.

Ciò, comunque, non è un inconveniente per i trader più bravi. A ben vedere, anzi, proprio la volatilità è un aspetto che contribuisce a rendere interessanti le monete virtuali. Infatti, se ci si cimenta nel trading di valute digitali si ha l’opportunità di trarre vantaggio da qualsiasi variazione di prezzo, che può essere verso l’alto o verso il basso: in tutti e due i casi è possibile conseguire un guadagno, se si è investito nel modo giusto.

Diversi trader alle prime armi sono convinti che acquistare nel momento in cui i prezzi sono bassi per poi vendere quando le quotazioni crescono sia la strategia da adottare per guadagnare con le monete virtuali. Non è detto che questa sia una tattica sbagliata a priori, ma da sola non può essere sufficiente. In alcune circostanze, infatti, il valore delle monete virtuali può subire crolli molto consistenti.

Di conseguenza, è sempre auspicabile ricorrere alla cosiddetta vendita allo scoperto: si tratta di un’operazione di natura speculativa per mezzo della quale si può conseguire un profitto se diminuisce il prezzo di una criptovaluta (o di qualsiasi altro titolo finanziario, a seconda di ciò in cui si sta investendo). In termini semplici, con la vendita allo scoperto si vende qualcosa che, in realtà, non si possiede.

Come si fa il trading di criptovalute

Le operazioni di vendita allo scoperto non sono permesse dagli exchange di monete virtuali, che consentono unicamente di comprare e di mantenere. Per altro, gli exchange presentano un altro problema, se possibile ancora più consistente: e cioè la totale assenza di standard di sicurezza. Se si prende in esame la storia degli exchange, in effetti, si può notare come essa presenti un gran numero di fallimenti, oltre a raggiri e aggressioni hacker dalle conseguenze tragiche per gli investitori.

Uno dei casi più celebri può essere individuato nella storia di MtGox, rinomato exchange asiatico il cui fallimento, avvenuto nel mese di febbraio del 2014, si è rivelato disastroso per migliaia di investitori il cui patrimonio di Bitcoin è letteralmente sparito.

Un’altra storia simile, dai contorni quasi comici, è quella dei 130 milioni di dollari in Bitcoin che sono stati bloccati da Quadriga, un exchange canadese. Quando il suo fondatore è deceduto, per altro in circostanze misteriose, si è fermato tutto, visto che lui era il solo a essere a conoscenza della chiave di accesso.

Ciò non vuol dire che gli exchange sicuri e affidabili non esistano o siano un’utopia: anzi, ci sono, e uno di questi è Coinbase. Tuttavia vanno presi in considerazione altri difetti, a cominciare dalle notevoli commissioni che sono previste sul trading.

Leggi il nostro articolo eToro vs Coinbase.

piattaforma criptovalute etoro convieneTutto ciò permette di capire che scegliere gli exchange per fare trading di Bitcoin nei migliori dei casi è complicato, e nei peggiori dei casi è poco sicuro. Questo è il motivo per il quale quasi tutti i trader con un certo livello di esperienza alle spalle decidono di utilizzare, piuttosto, le piattaforme di trading per crypto più conosciute che consentono di operare anche sui CFD.

I benefici che scaturiscono dal ricorso a queste piattaforme sono numerosi, e meritano di essere valutati in modo attento:

  • La convenienza

  • La possibilità di utilizzare la leva finanziaria

  • La sicurezza

Sono tutti aspetti importanti per chi ha intenzione di fare trading senza correre rischi. Stiamo parlando, infatti, di piattaforme che sono operative nei mercati tradizionali (il Forex o la Borsa) già da lungo tempo. In Italia, a monitorare la loro attività è la Consob, ma in ogni Paese la vigilanza è affidata alle autorità competenti locali, a tutela degli investitori e, soprattutto, del loro patrimonio.

Piattaforme per il trading con criptovalute

Molte di queste piattaforme nel corso degli ultimi tempi hanno cominciato a mettere a disposizione la negoziazione delle monete virtuali, tra cui i Bitcoin, offrendo ai trader parecchi benefici. La convenienza deriva dal fatto che non ci sono costi da sostenere, almeno nel caso delle piattaforme migliori, e neppure commissioni da pagare: una differenza considerevole rispetto agli exchange.

Nel novero delle piattaforme di trading consigliate per le operazioni con le criptovalute vanno inserite di sicuro le seguenti:

  • Deposito Min: 1

    Licenza: 275/15

    Compra azioni al prezzo IPO

    Conto di riusparmio al 3%

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 204/13

    Copia i Migliori Trader

    1000 asset negoziabili

    I derivati sono strumenti complessi e implicano un alto livello di rischio

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Spread Stretti

    Formazione Gratuita

    Il 87.41% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 68% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    77% degli investitori retail perdono denaro quando operano con questo broker

Le piattaforme in questione sono regolamentate e autorizzate a operare: una garanzia di sicurezza per tutti i trader. La semplicità d’uso, poi, è un altro fattore che merita di essere messo in evidenza: i principianti non avranno problemi nel destreggiarsi tra le varie operazioni, e anzi in molte situazioni possono perfino beneficiare di vantaggi extra pensati apposta per loro.

Con le piattaforme di trading migliori è possibile guadagnare in qualsiasi occasione: non solo se il valore delle monete virtuali aumenta, ma anche se scende. In più si può operare direttamente in euro, diversamente da quel che accade con gli exchange che, in molti casi, richiedono di adoperare i dollari. Inoltre con gli exchange quando si ha intenzione di acquistare delle valute digitali emergenti si è costretti prima di tutto ad acquistare Bitcoin, così da usare questi per comprare le altre criptovalute. Si tratta di un passaggio doppio che, come si può intuire, implica anche una commissione doppia.

Infine, è utile mettere in risalto la possibilità che viene concessa dalle piattaforme di trading migliori di applicare la leva finanziaria: una risorsa grazie a cui gli eventuali profitti possono essere moltiplicati anche a fronte di un investimento iniziale ridotto.

Di seguito due tra le migliori piattaforme che ci sentiamo di suggerire:

eToro

EToro si presenta come un’occasione davvero interessante per chiunque stia muovendo i primi passi nel settore del trading di criptovalute e desideri prevenire qualsiasi sbaglio. I trader possono contare su un’interfaccia decisamente intuitiva, e proprio per questo motivo davvero facile da usare. Il vero fiore all’occhiello di questa piattaforma, in ogni caso, è rappresentato dalla possibilità di copiare le operazioni effettuate dai trader più bravi.

Si tratta di una chance che non ha eguali nel settore del trading online, e che proprio per questo motivo vale la pena di sfruttare fino in fondo. Il merito deve essere attribuito a Copytrader, un sistema brevettato che permette a tutti gli iscritti alla piattaforma di individuare senza difficoltà gli utenti che, nel recente passato, sono riusciti a guadagnare di più con un rischio minimo. Dopo aver trovato i migliori trader, non bisogna fare altro che selezionarli per dare il la alla copia automatica: sarà compito del sistema software riprodurre tutte le operazioni che essi effettueranno in tempo reale. Come si può intuire, tale sistema mette i principianti nelle condizioni di ottenere, sin dal primo momento, risultati identici a quelli conseguiti dai trader più esperti.

Ma non è questo il solo vantaggio di cui si può approfittare: con Copytrader, infatti, è possibile osservare come operano i trader più abili e, di conseguenza, imparare da loro capendo come si fa trading. Il tutto in maniera gratuita: sarebbe un vero peccato non approfittare di questa occasione. Inizia subito a sfruttare il copy trading gratuito della piattaforma eToro.

Ti potrebbe anche interessare: Come guadagnare con eToro.

Capital.com

Infine, la terza piattaforma di trading a cui si può fare riferimento per operare con le valute virtuali è Capital.com. Anche in questo caso, facciamo riferimento a una realtà che riscuote feedback più che positivi da parte dei neofiti del settore, e non solo per la semplicità di utilizzo che la caratterizza, frutto di una interfaccia alquanto intuitiva. Il vero tratto distintivo di Capital.com, infatti, consiste nel fatto che è possibile iniziare a fare trading di monete virtuali con soli 20 euro di capitale di partenza. Ciò dimostra come tale broker abbia permesso di dire addio a qualsiasi genere di barriera di entrata al mondo del trading.

Anche per Capital.com è prevista la possibilità di usare il conto demo, un’opportunità molto apprezzata anche per l’assenza di vincoli: la demo è disponibile per tutto il tempo che si vuole, e solo quando ci si sente pronti si può passare al conto reale. Inizia subito a utilizzare gratuitamente il conto demo di Capital.com per fare pratica con le operazioni di trading.

Trading Criptovalute: Suggerimenti

Se si è intenzionati a massimizzare il rendimento che si può ottenere dal trading di monete virtuali, il primo suggerimento che va sempre tenuto a mente è quello di usare solo piattaforme autorizzate. Queste, infatti, sono le sole a garantire:

  • Alti standard di sicurezza

  • Il massimo della professionalità

  • Onestà e trasparenza.

Come abbiamo visto, le piattaforme tra cui scegliere non mancano: eToro e Capital.com sono validi punti di riferimento anche per chi si approccia per la prima volta a questo mondo. Va segnalato, comunque, che non di rado i principianti si lasciano trascinare dall’entusiasmo e finiscono per ignorare concetti o funzionalità importanti per il trading.

Basti pensare, per esempio, alla necessità di fissare uno stop loss per ciascuna operazione. In virtù di questo meccanismo, alla piattaforma di trading che permette di eseguire le operazioni viene chiesto di chiuderle nel momento in cui si tocca un certo tetto di perdita. Attraverso gli stop loss, in sostanza, sono i trader che stabiliscono quanto sono disposti a perdere prima di fermarsi. Questo strumento è decisamente prezioso perché permette di tenere sotto controllo il rischio: sarebbe utile specialmente per i trader con meno esperienza, che però – per paradosso – spesso sono quelli che lo usano di meno.

Molti neofiti si lasciano attirare dal costante aumento del valore delle criptovalute, e di conseguenza decidono di puntare sempre al rialzo. Tuttavia, è inevitabile che prima o poi si materializzi una inversione di tendenza, perché un alto livello di volatilità è il principale tratto peculiare delle monete digitali.

Come si è già detto, però, non si devono interpretare le cadute di prezzo come un inconveniente, ma al contrario è necessario imparare a sfruttarle perché si tratta di chance di guadagno: a condizione che si sappia come vendere allo scoperto. In sintesi, per guadagnare con il trading di valute digitali non ci si deve preoccupare del fatto che il loro valore aumenta o diminuisca, ma ciò che conta è riuscire a effettuare una previsione giusta.

A questo scopo ci si può servire dell’analisi fondamentale e dell’analisi tecnica, due preziose alleate per tutti i trader.

Il trading automatico con le criptovalute

Il trading di criptomonete automatico è una delle soluzioni più interessanti che possano essere adottate da un neofita che inizia da zero e, quindi, è ancora privo di esperienza in questo ambito. In linea teorica il mondo della Rete mette a disposizione un sacco di opportunità differenti per chi è interessato ad avvalersi del trading automatico, per mezzo di algoritmi e robot.

In realtà, però, sono ben poche le soluzioni che si dimostrano in grado di funzionare; nella maggior parte dei casi, invece, ci si ritrova alle prese con raggiri, per cui è meglio tenersene lontani.

Non è questo il caso di eToro, che fornisce una delle rare soluzioni di trading automatico che sono in grado di funzionare sul serio. Non è l’intelligenza artificiale, e non sono neppure gli algoritmi, a stabilire quali sono le operazioni da effettuare sul mercato: ci si affida, invece, alle decisioni umane, e in particolare dei trader più bravi.

Il software di trading automatico che viene proposto da eToro non fa altro che riprodurre in maniera automatica e in tempo reale le operazioni svolte dai trader che sono stati scelti per essere copiati, senza alcun cambiamento.

Su quali criptovalute fare trading?

Il settore delle valute digitali al giorno d’oggi propone centinaia di alternative tra cui scegliere: come si può essere certi, dunque, di trovare le migliori criptomonete su cui fare trading? Certo, c’è il Bitcoin, che – come noto – può vantare un livello di capitalizzazione molto alto; ma ce ne sono anche altre meno conosciute, e a volte conviene non prenderle neppure in considerazione. In genere, quasi tutti i trader che si interrogano su quali siano le criptomonete migliori su cui investire decidono di optare per il Bitcoin. Ciò non vuol dire, però, che le monete virtuali emergenti non si possano rivelare un asset eccellente; a condizione, però, che la loro capitalizzazione sia elevata.

Uno degli aspetti più interessanti a proposito delle criptomonete emergenti va individuato nel fatto che le previsioni che le riguardano possono essere effettuate senza troppe difficoltà, dal momento che il loro valore dipende dal prezzo del Bitcoin. Insomma, nel momento in cui la quotazione del Bitcoin cresce, cresce anche quella delle altcoin; nel momento in cui la quotazione del Bitcoin si riduce, si riduce anche quella delle altcoin.

L’elenco delle criptomonete migliori per il trading è molto lungo, e comprende tra le altre

  • Bitcoin

  • IOTA

  • Ethereum

  • Bitcoin Cash

  • Ripple

Ma vale la pena di menzionare in questa lista anche Binance Coin, Zcash, Tron e ROS, che a loro volta si presentano come progetti seri. Possono vantare un livello di capitalizzazione soddisfacente, poi, anche monete virtuali come Stellar Lumens, Cardano, Monero e NEM. Se si è alla ricerca di monete digitali poco note ma comunque affidabili, infine, non ci si può dimenticare di QTUM e Litecoin.

Potrebbe interessarti: Come investire in criptovalute.

Trading criptovalute: opinioni

Purtroppo attorno al trading di monete virtuali circolano ancora parecchie opinioni sbagliate, che spesso sono il frutto della scarsa conoscenza. Occorre precisare, dunque, che il trading di criptomonete è a tutti gli effetti un investimento di natura speculativa, che può garantire profitti importanti. in tanti credono che le criptovalute abbiano a che fare con sistemi fraudolenti, ma si tratta di una credenza che deve essere smentita.

Al tempo stesso, però, occorre confutare con decisione la convinzione di chi pensa che il trading di criptomonete corrisponda a un sistema che permette di guadagnare in tempi rapidi e, per di più, senza fatica. Ovviamente non può essere così: non ci si improvvisa trader di successo da un giorno all’altro, e solo con il tempo e la giusta dose di impegno si aumentano le probabilità di fare soldi tramite le valute digitali. Chi promette denaro facile è, quasi certamente, un soggetto che sta mettendo in atto un raggiro: meglio rimanere alla larga. Il trading di criptovalute permette di fare soldi grazie al cambio di prezzo, sia acquistando che vendendo. Si tratta di un investimento idoneo anche per i neofiti, a condizione che vengano adottate le necessarie precauzioni.

Di sicuro, nel corso degli ultimi dieci anni le criptomonete hanno rappresentato gli asset con le più elevate prestazioni di rendimento. Quindi, chi ha la capacità di sfruttare la loro volatilità non potrà che trarre vantaggio da questa forma di investimento.

FAQ

Fare trading di criptovalute conviene?

Fare trading di criptovalute può essere conveniente solo se ci si presenta con la giusta preparazione e la necessaria competenza. In caso contrario, il rischio che si corre è quella di affidarsi a una piattaforma di trading poco seria, oppure di investire su monete virtuali che hanno un livello di capitalizzazione basso. Grazie alla vendita allo scoperto, comunque, il trading è vantaggioso – ammesso che si prendano le decisioni giuste – sia quando le quotazioni sono in rialzo, sia quando sono in ribasso.

Dove iniziare per fare trading di criptovalute?

Se si è del tutto privi di esperienza, un buon modo per iniziare a fare trading di criptovalute è quello di iscriversi a eToro: non solo perché si tratta di una piattaforma sicura, affidabile e facile da usare, ma soprattutto perché consente di approfittare del sistema del Copytrading, grazie a cui è possibile riprodurre in automatico le stesse operazioni di investimento effettuate dai trader più bravi. Così, si investe proprio come investono loro, e al tempo stesso si ha l’occasione di osservare il loro modus operandi e trarne gli opportuni insegnamenti.

Giorgia Pitti

Analista

Si occupa di Fintech e della finanza alternativa creando testi volti ad aiutare il piccolo medio investitore a muoversi sui mercati. Per quanto riguarda le cripto più famose, le altcoin e gli exchange ha provato diverse piattaforme e wallet, fornendo recensioni obiettive.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro