Guida alla Gestione del Rischio nel Trading Online

Marilena
January 5th, 2021

Il successo di ciascuna attività di investimento dipende in gran parte dalla capacità dell'investitore di sviluppare un'adeguata gestione il rischio. Ciò è direttamente correlato a una strategia di investimento progettato per generare profitti a lungo termine.

La gestione del rischio viene spesso lasciata nel dimenticatoio delle priorità strategiche, quando invece dovrebbe essere il punto di partenza di qualsiasi piano d'azione volto alla realizzazione un profitto.

Senza un'adeguata conoscenza della gestione del rischio, è praticamente impossibile avere successo nel trading, dato che un trader deve capire come gestire il proprio denaro e quale percentuale rischiare per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Ogni strategia di mercato ha un rapporto rischio-rendimento di almeno 1:2. In altre parole, più vogliamo guadagnare, più dobbiamo essere disposti a perdere.

Cos'è la gestione del rischio nel trading?

La gestione del rischio è un concetto chiave nel mondo degli investimenti nei mercati finanziari, ma è un aspetto del trading online che molte persone trascurano.

Potremmo anche essere i trader esperti più infallibili ma ci sarà sempre la possibilità di perdere tutto con una decisione sbagliata se non viene eseguita una corretta gestione del rischio. 

La gestione del rischio consiste fondamentalmente nella conoscenza di come evitare che possibili perdite influiscano notevolmente sul nostro capitale. La gestione del rischio può essere suddivisa in 3 livelli. Continua a leggere per conoscere quali sono.

Pianificazione del rischio

Serve a rispondere alla domanda "Quanto sono disposto a rischiare in ciascuna delle operazioni?". La risposta sarà il livello di tolleranza al rischio che vogliamo assumerci. Il calcolo è molto semplice, poiché la nostra tolleranza al rischio sarà il capitale del nostro conto in base alla percentuale di rischio.

Tuttavia, gli esperti raccomandano di evitare di esporre più del 2% del nostro capitale totale in una singola operazione. Pianificare il rischio ti permette di controllare meglio la parte emotiva dell'investimento, poiché saprai in anticipo quanto potresti guadagnare o perdere al termine dell'operazione.

Rapporto di rendimento del rischio commerciale

Determina la potenziale perdita rispetto al potenziale guadagno di un determinato scambio. Questo significa definire quanto è la distanza tra il prezzo di entrata e lo Stop Loss in caso di perdite o la distanza tra il prezzo di entrata e il take profit in caso di ottenimento di profitti. 

Ad esempio, se apri una posizione nella coppia di valute EUR / USD a 1.2200 con uno Stop Loss di 1.2100 e un obiettivo di profitto di 1.2300, il rapporto rischio / rendimento sarebbe 1: 2. L'ideale è ottenere rapporti di rendimento del rischio commerciale più elevati, in quanto ciò garantirebbe la nostra redditività a lungo termine.

Dimensione della posizione

A questo punto si tiene nuovamente conto del capitale disponibile in conto, la percentuale che è stata definita nel Risk Planning e nello Stop Loss. Di solito viene calcolato moltiplicando il capitale del conto per la percentuale di rischio di operazione, a cui viene diviso lo stop loss.

Ad esempio, se abbiamo 10.000 euro nel conto, abbiamo definito una tolleranza al rischio del 2% per operazione e calcoliamo una necessità di 50 pip per attivare lo Stop Loss, la dimensione della nostra posizione dovrebbe essere di 4 mini lotti.

Leggi come diventare trader senza correre grossi rischi

Strategia di gestione del rischio

Una strategia di gestione del rischio generalmente considerata efficace consiste di tre elementi:

  • Sistema di trading con un vantaggio: applicare coerentemente le regole che abbiamo stabilito nella strategia (quanto, quando e per quanto tempo) che dovrebbero sempre andare nella direzione della tendenza prevalente.

  • Controllo delle emozioni: quando facciamo trading con denaro reale, la psicologia gioca un fattore estremamente importante. Emozioni come paura, avidità o estasi possono indurci a prendere decisioni al di fuori del nostro piano, il che può portare a risultati potenzialmente negativi. Se abbiamo determinato la nostra strategia, definendo un importo equo da investire e determinando come sarà l'investimento, il passo finale è lasciarla funzionare senza prendere decisioni al volo.

  • Gestisci correttamente il denaro: in altre parole, definisci il capitale e la leva finanziaria che intendi utilizzare, così come i livelli sia di Stop Loss che di Take Profit. A questo vanno aggiunti aspetti come il livello di copertura del mercato, gli orari migliori per operare ed essere chiari quando assumersi le perdite.

Dopo una spiegazione di questi elementi, poniamo le basi della gestione del rischio creando un piano strategico e assegnando il capitale. Approfondiamo questi due aspetti singolarmente nei prossimi sottotitoli.

Creare un piano strategico

Il trading è un business, e dovrebbe essere pensato come tale. Avere un'idea chiara di quanto investiremo nelle nostre attività di trading quotidiane è molto importante, quindi dovresti iniziare creando un piano strategico.

L'importante è prendere come capitale quel denaro che è al di fuori della copertura dei bisogni primari. Cioè, denaro di cui non hai davvero bisogno prontamente e che, nel peggiore dei casi, sei disposto a perdere.

Il passo successivo è progettare un sistema che configuri un processo che deve essere svolto in modo continuo e disciplinato per identificare e mitigare le possibili perdite, tenendo conto di quanto si ha, in cosa si investirà, quanto si investirà in ogni operazione e in quale periodo .

Assegnare il capitale

La regola pratica di base è evitare di mettere tutte le uova nello stesso paniere, un concetto noto anche come diversificazione. 

Se hai 10 euro, l'ideale è aprire 10 posizioni da 1 euro piuttosto che una singola posizione da 10 euro. 

Il punto focale è che le previsioni di investimento possono fallire, ma se abbiamo una conoscenza sufficiente è improbabile che tutte le 10 posizioni che apriamo falliscano, quindi possiamo coprire quelle perdite dovute ai fallimenti con i guadagni ottenuti in altre posizioni.

Se apriamo una singola posizione di 10 euro e fallisce, avremo perso questo denaro nella sua interezza.

Tutto ciò dovrebbe concentrarsi sull'attenersi a un rapporto di ricompensa favorevole, in cui i guadagni target sono superiori alle perdite massime. Cioè, l'ideale è che se apriamo 10 posizioni, la maggior parte di esse siano favorevoli e i profitti ottenuti superino il doppio dei possibili fallimenti.

A questo punto è molto importante avere conoscenze economiche e finanziarie che ci portino ad aprire posizioni più corrette possibili. Pertanto, non è consigliabile investire per il gusto di investire, se non per attraversare una curva di apprendimento dove la conoscenza aumenta e il rischio potenziale diminuisce.

Approccio discrezionale e sistematico

A questo dobbiamo aggiungere due categorie fondamentali di strategie di negoziazione del trading online:

discrezionale

• sistematico / automatizzato

La strategia discrezionale lascia spazio di manovra per annullare alcuni segnali che possono produrre un'opportunità commerciale.

L'approccio sistematico, da parte sua, entra in uno scambio quando il segnale è stato allertato, gestendo così il rischio in base a criteri predeterminati. In questo approccio l'elemento umano scompare, poiché le emozioni possono interferire con il successo della strategia.

Questi approcci possono anche essere combinati ed è possibile testarli tramite un conto demo gratuito eToro che puoi aprire tramite questo link. Il conto demo ti consente di fare trading sui mercati finanziari in tempo reale con denaro virtuale, permettendoti di testare questi approcci senza mettere a rischio il tuo capitale reale.

Leggi alcuni trucchi di trading per ridurre i rischi

Come misurare il rischio

Sebbene quando si investe dobbiamo essere disposti a perdere tutto il capitale, la verità è che ci sono opzioni per definire il livello massimo di perdite che vogliamo assumere. Questo viene fatto definendo stop loss e take profit.

I livelli di Stop Loss e Take Profit dipendono dai nostri metodi di investimento. Se le nostre transazioni sono giornaliere, l'obiettivo sarà quello di uscire da queste posizioni prima della fine della giornata.

Qui si deve tenere conto della volatilità giornaliera dell'asset da negoziare, cioè di quanto può essere brusca la variazione di prezzo di quell'asset durante il giorno. 

Se negoziamo criptovalute, la cui volatilità è estremamente elevata, saremo molto più esposti al rischio di perdita rispetto a se investiamo in un asset con un solido trend al rialzo. 

Tuttavia, un rischio più elevato implica una maggiore redditività, quindi a poco a poco dobbiamo affinare le nostre conoscenze per affrontare queste attività più rischiose.

Definire lo Stop Loss

Il livello di Stop Loss che possiamo assumere può essere una percentuale determinata per ciascuna operazione. Allo stesso modo, questo potrebbe salire alle stelle in corrispondenza o al di sotto di un punto specifico del grafico.

Quando si rileva un segnale di ingresso, è molto importante definire dove posizionare lo stop loss e posizionare in primo luogo il Take Profit.

Una volta definito, l'ideale è evitare modifiche durante l'esecuzione dell'operazione, poiché queste eccedono quanto definito dall'analisi tecnica e possono andare contro la nostra strategia.

Fare l'analisi tecnica del grafico

L'analisi tecnica è il miglior alleato per i trader, poiché con essa si possono definire i livelli di supporto e resistenza appropriati per prendere posizioni di entrata, uscita, Stop Loss e Take Profit.

Questa analisi può essere composta da linee di tendenza o medie che mostrano con facilità questi livelli di supporto e resistenza. 

supporti e resistenzeLeggere i grafici e definire i trend che un particolare asset ha assunto nel tempo ci permetterà di trovare più facilmente il punto ideale per aprire l'operazione e ottenere risultati favorevoli. In caso di fallimento, i grafici giocheranno comunque a nostro favore aiutandoci a definire quale può essere il punto negativo più alto possibile e fermare l'operazione proprio in quel punto.

La definizione di questi limiti è un compito quotidiano, poiché sia ​​la volatilità che i cambiamenti all'interno del mercato possono sminuire notevolmente la nostra strategia da un giorno all'altro. 

Fare previsioni

L'impostazione casuale di obiettivi di performance giornalieri o settimanali è una pratica che non dovrebbe essere eseguita. L'approccio a questa pratica è molto pericoloso, poiché gli obiettivi quotidiani possono creare pressione e un forte impulso all'investimento.

Se vogliamo fissare obiettivi di business, l'ideale è fissarli come segue:

  • Breve termine (giornaliero o settimanale): ciò implica la concentrazione sulla migliore esecuzione commerciale possibile e il rispetto di un piano iniziale dettagliato.

  • Medio termine (settimanale o mensile): a questo punto è necessaria una routine professionale, pianificazione in anticipo, pieno rispetto delle regole definite, registrazione delle operazioni, revisione e apprendimento costante delle lezioni ricevute nelle operazioni svolte.

  • Lungo termine (semestrale): per realizzare questo obiettivo è fondamentale rivedere le operazioni, concentrarsi sulle esecuzioni e sul livello di efficacia di ciascuna di esse. Sicuramente ci saranno alcune debolezze riscontrate nel trading stesso, che dovrebbero gradualmente diminuire. Se viene soddisfatto questo obiettivo, l'operazione sarà estremamente redditizia.

Scopri ad esempio le previsioni sulle azioni Amazon

Quale broker usare per gestire il rischio

Una volta che avrai stabilito una chiara strategia di trading con una solida base di gestione del rischio, sarà il momento di iniziare a pensare al broker che fungerà da ponte per ottenere questi vantaggi. Ecco un elenco di quelli che consideriamo i migliori, grazie all'ampia varieta di strumenti che offrono e alla regolamentazione per il loro funzionamento.

  • Deposito Min: 50

    Licenza: Cysec 109/10

    Copia i migliori Trader

    Scelta TOP criptovalute

    Il 75% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 20 (con carta)

    Licenza: Cysec 319/17

    Proposte senza commissioni

    Formazione Gratuita

    Il 67,7% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando si scambiano CFD con questo fornitore. Dovreste considerare se capite come funzionano i CFD e se potete permettervi di correre l'alto rischio di perdere il vostro denaro.

  • Deposito Min: 10

    Licenza: Cysec 247/14

    Chat utenti in italiano

    Deposito Minimo Basso

    I CFD sono strumenti complessi e comportano un elevato rischio di subire perdite in poco tempo a causa della presenza della leva. Il 84% dei conti degli investitori retail subisce delle perdite durante il trading con CFD con questo fornitore. Dovresti assicurarti di aver compreso il funzionamento dei CFD e considerare se puoi permetterti di correre il rischio di perdere il tuo denaro

  • Deposito Min: 100

    Licenza: Cysec 250/14

    Tra I migliori broker CFD

    Ampia scelta Criptovalute

    I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. 76,4% di conti di investitori al dettaglio che perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

  • Deposito Min: 0

    Licenza: dnb 82510245

    Compra azioni a prezzi molto bassi

    Senza costi nascosti

eToro

La piattaforma di eToro è diventata molto importante grazie alla sua piattaforma, che segue una logica nota come Social Trading. 

Attraverso il Social Trading eToro ha creato la possibilità per l'utente di creare contenuti, commentare e interagire con altri trader attraverso la piattaforma, il che crea un'esperienza molto più completa nel mondo del trading.

etoro-social-trading-gestione-rischioEToro Social Trading ha facilitato la creazione dello strumento noto come Copy Trading, che permette di copiare automaticamente tutte le operazioni attive di trader esperti per ottenere vantaggi economici senza possedere le conoscenze più avanzate.

Puoi comprendere meglio i vantaggi del trading tramite eToro nel seguente video:

Metti in pratica la tua strategia di trading attraverso un conto demo, che ti permetterà di investire denaro virtuale in borsa in tempo reale e completamente gratuito. Puoi aprire un conto demo eToro gratuito tramite questo link.

IQ Option

Un'alternativa molto interessante per i trader principianti è in IQ Option, una delle piattaforme con la maggiore facilità di accesso.

La sua principale attrazione è nel deposito minimo, che è di soli 10 euro, a differenza dei suoi diretti concorrenti che in media hanno un deposito minimo di 150 euro o più.

iq-option-piattaforma-con-deposito-minimo-bassoInoltre, su IQ Option puoi goderti una learning zone con video pensati proprio per chi muove i primi passi nel mondo del trading.

Puoi vedere altri vantaggi del trading tramite IQ Option nel seguente video:

IQ Option ti consente anche di creare un conto demo totalmente gratuito tramite questo link.

FAQ

Che cos'è la gestione del rischio?

Significa pianificare saggiamente la gestione del capitale al fine di mitigare le potenziali perdite e coprire le operazioni fallite con i vantaggi di operazioni di successo.

Come creare un piano di trading strategico che sia efficace?

Il primo passo è assegnare il capitale e diversificarlo in diverse operazioni. Dopodiché, prima di procedere all'investimento reale, è importante testare la strategia tramite un conto demo gratuito di eToro o IQ Option.

Il 74-89 % dei conti degli investitori al dettaglio subisce perdite monetarie in seguito a negoziazione in CFD. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro